La fondazione e gli anni del Dopoguerra

La prima squadra di calcio fondata a Lanciano della quale si abbia notizia certa è la Polisportiva Virtus Lanciano, creata nel 1920 su iniziativa di un gruppo di soci presieduto da Giuseppe Cotellessa. Il club, che inizialmente raccoglieva praticanti anche di altre discipline sportive, si affermò poi come squadra di calcio, e alla fine degli anni ’20 partecipò ai primi campionati interregionali.

Tra il 1928 e il 1930 la squadra si affermò come una delle principali della regione, tanto che nella stagione 1929-30 era l’unico club abruzzese a prendere parte a competizioni interregionali. In particolare per il torneo di Prima divisione 1929-30, all’epoca terzo livello del calcio italiano, fu allestita una formazione particolarmente competitiva. Tuttavia la società non riuscì a terminare il campionato per mancanza di liquidità: i giocatori forestieri e l’allenatore straniero tornarono nelle proprie zone d’origine grazie a un contributo dell’amministrazione comunale, e il club fu radiato dai ruoli federali per le mancanze economiche.

Una serie di squadre tentarono di raccogliere l’eredità della Virtus negli anni ’30, ma con scarsa fortuna, fino a quando nella seconda metà del decennio, con la presidenza di Alberto D’Alessandro e la guida tecnica di Giuseppe Baccilieri, la squadra non riuscì a riconquistare la serie C, nata come terzo livello del calcio italiano nel 1935. Nel campionato 1940-41 la società allestì una squadra ambiziosa, integrando il gruppo che aveva vinto il campionato con numerosi giocatori di club piemontesi e liguri. La squadra allenata da Enrico Migliavacca però si sfaldò nel corso della stagione, anche a causa delle vicende belliche che incombevano sull’Italia: molti giocatori lasciarono Lanciano, compreso lo stesso allenatore, e il campionato fu portato a termine con i giovani calciatori del posto.

Negli anni della Seconda guerra mondiale una squadra di Lanciano partecipò ad alcuni tornei regionali con il nome di Frentana. La Virtus rinacque ufficialmente nel 1946-47, sotto la presidenza di Alberto Giovannelli. Di nuovo con Giuseppe Baccilieri in panchina, grazie alla vittoria nel campionato di Prima divisione, che all’epoca era il quarto livello del calcio italiano oltre che competizione di respiro regionale, i rossoneri furono promosso in serie C. Il club restò però solo un stagione nel terzo livello del calcio italiano, che nel 1947-48 era strutturato in tre leghe indipendenti che raccoglievano complessivamente quasi 300 squadre. La ristrutturazione dei campionati permetteva infatti solo alle prime due classificate di conservare la categoria.

Dopo alcuni anni di permanenza nel campionato di Promozione interregionale, quinto livello del calcio italiano, la Virtus retrocede al termine del torneo 1950-51, in seguito a un contestato[5] doppio spareggio contro la Vastese giocato al campo Rampigna di Pescara: la prima partita finisce 3-3, e nella ripetizione si impongono i biancorossi 1-0. I rossoneri risalgono in IV Serie al termine del campionato di Promozione regionale 1955-56, vinto con buon margine su alcune delle principali rivali dell’epoca, quali Ortona, Vasto e Termoli che, nell’ordine, seguivano la Virtus in classifica. La fine degli anni ’50 segna però un periodo di crisi per il club rossonero, che culmina con la retrocessione e il fallimento nel 1959, anno in cui la Virtus cessa di esistere.