Chiude il Conto Rossonero: soldi non reclamati all’associazione Lanciano Rossonera

Il 5 luglio sarà chiuso definitivamente il Conto Rossonero attivato un anno fa per raccogliere fondi per l’iscrizione in Serie D di una squadra di Lanciano dopo il forfait della Virtus. In cassa ci sono ancora circa 600 euro che non sono stati reclamati dai sottoscrittori.




Chi rivuole i soldi versati può contattare direttamente Enrico Ciannamea, che si era fatto carico di intestarsi il conto. In seguito all’esito negativo dell’iniziativa, era subito iniziata la restituzione delle sottoscrizioni, previa esibizione della ricevuta, sia di quelle versate direttamente in banca sia di quelle fatte al banchetto lungo corso Trento eTrieste.




In molti, dopo il fallimento dell’iniziativa per l’iscrizione in Serie D, avevano girato il proprio contributo all’associazione Lanciano Rossonera. Perciò, quello che non sarà ritirato nelle prossime settimane, verrà versato all’associazione nata con l’obiettivo di far rinascere il calcio lancianese.

Del Grosso è l’allenatore del Lanciano: nello staff tecnico Zucchini e Spinoglio

Alessandro Del Grosso ha detto sì: l’ambizioso Lanciano di Fabio De Vincentiis ha concluso l’accordo per la panchina rossonera con l’ex terzino di Bari e Salernitana. Mercoledì 28 giugno alle 19:00 nell’ex Casa di conversazione viene presentato il tecnico con il suo staff.




Con Del Grosso lavoreranno Massimo Zucchini come viceallenatore, e il lancianese Alessandro Spinoglio come preparatore atletico, che nell’ultima stagione ha collaborato con Del Grosso all’Olympia Agnonese, e in precedenza era stato nello staff della Virtus Lanciano. Zucchini invece ha già lavorato con Del Grosso a Francavilla, dove negli ultimi tre anni è stato sia viceallenatore sia tecnico della Juniores.

Spinoglio e Del Grosso ad Agnone (foto dall’Eco dell’Alto Molise)


Altri articoli su questo argomento
Zucchini sarà il vice se Del Grosso accetta la panchina del Lanciano
De Vincentiis: «A buon punto per l’ingaggio dell’allenatore Del Grosso»
Trattativa con Del Grosso per la panchina del Lanciano

Zucchini sarà il vice se Del Grosso accetta la panchina del Lanciano

Se Alessandro Del Grosso accetterà l’incarico di allenatore del Lanciano, il suo secondo sarà Massimo Zucchini (nella foto), già nello staff tecnico del Francavilla negli ultimi tre anni.



Zucchini ha quindi già collaborato con Del Grosso in giallorosso, e cioè quando nel 2014-2015 il presidente Fabio De Vincentiis lo aveva chiamato sulla panchina giallorossa.

Mentre in seguito Del Grosso ha lavorato ad Ardea e ad Agnone, Zucchini è sempre rimasto a Francavilla, come secondo o come tecnico della Juniores.

Ex rossoneri: Amenta e Vastola non torneranno, si tratta con Margarita, spunta Volpe

Quest’anno non rivedremo Gaetano Vastola e Federico Amenta con la maglia rossonera. I due ex virtussini hanno declinato l’invito della nuova dirigenza del Lanciano, e in particolare di Francesco Di Gennaro. Il direttore tecnico in pectore, nonché loro ex compagno di squadra, aveva infatti contattato entrambi.




Amenta sembra aver deciso di interrompere definitivamente la propria carriera da calciatore, nonostante un anno fa sia stato ancora ingaggiato da un club di Lega Pro, la Juve Stabia. Quello di Vastola invece potrebbe essere un arrivederci alla prossima stagione.

Vastola in allenamento col Racing Roma (foto dalla Gazzetta Pontina)

Il centrocampista di origine campana è infatti in procinto di iniziare un altro campionato di Serie C: dopo l’annata con il Racing Roma (retrocesso in Serie D) dovrebbe passare al Fondi (neopromosso in C), club acquisito da Antonio Pezone, che fino a qualche settimana fa era il massimo dirigente del Racing.




Resta invece aperta la trattativa con Daniel Margarita, che dal dicembre scorso ha giocato ad Agnone agli ordini dell’allenatore Alessandro Del Grosso, vicinissimo alla panchina rossonera: con Margarita però non c’è ancora un accordo sull’ingaggio.

La presentazione di Volpe all’Sff (foto dal sito ufficiale dell’Sff Atletico)

Altro grande ex rientrato nell’orbita rossonera, protagonista della promozione in Serie B di cinque anni fa, è Alessandro Volpe, che nell’ultima stagione ha firmato per l’Sff Atletico, club romano che ha vinto il campionato di Eccellenza: un contatto tra Volpe e la dirigenza frentana c’è stato, ma gli sviluppi sono tutti da vedere.

De Vincentiis: «A buon punto per l’ingaggio dell’allenatore Del Grosso»

Il presidente del Lanciano, Fabio De Vincentiis, ospite stasera della trasmissione «Il punto» di Telemax, ha garantito che la trattativa con l’allenatore Alessandro Del Grosso è ben avviata e presto potrebbe concludersi positivamente.




«Alessandro l’ho fatto allenare io il primo anno a Francavilla», ha ricordato De Vincentiis, «e perciò quello che ha fatto ad Agnone mi riempie di orgoglio: con una squadra non forte ha fatto benissimo. Ci siamo sentiti fino a ieri», ha aggiunto il presidente, «lui viene per un progetto a medio e lungo termine, e insieme a lui potrebbe arrivare anche un ex lancianese che è stato ad Agnone (Daniel Margarita, ndc)».

De Vincentiis ha ovviamente confermato la volontà di costruire un organico in grado di scalare rapidamente un paio di categorie, e rispondendo alle domande del giornalista di Telemax, Enrico Giancristofaro, ha parlato sia di se stesso sia delle motivazioni che lo hanno portato a Lanciano: «Per fare calcio servono i tifosi, e a Lanciano ce ne sono tanti e si è partiti col piede giusto», ha sintetizzato ricordando la presentazione nell’ex Casa di Conversazione.




«Mi aspettavo un’accoglienza importante ma non a quel livello», ha aggiunto sulla manifestazione di lunedì scorso, «qui c’è una cultura calcistica non da poco». Tra le altre cose il presidente ha detto che per la prossima settimana dovrebbe definire anche l’organigramma societario in maniera più dettagliata e, al di là del calcio, ha rivelato che prima dell’inizio del campionato dedicherà qualche domenica a conoscere meglio la storia extra sportiva della città.

Trattativa con Del Grosso per la panchina del Lanciano

Alessandro Del Grosso è il nuovo obiettivo del Lanciano per la panchina rossonera. Ex difensore di Bari e Salernitana in A, 45 anni ad agosto, Del Grosso ha incontrato la dirigenza della società frentana. È infatti sfumata la pista che portava a Silvio Paolucci, tecnico tollese con il quale pure era stata intavolata una trattativa, ma che nei giorni scorsi ha declinato l’invito.

De Vincentiis presenta Del Grosso a Francavilla (foto da Sportag.it)

Del Grosso conosce bene il presidente Fabio De Vincentiis: è stato il primo allenatore che ha portato al Francavilla nel 2014, dove era stato anche calciatore tra il 1991 e il 1993. Coi giallorossi l’ex terzino si è piazzato al quarto posto nel campionato di Eccellenza, perdendo poi i play off regionali.




L’anno scorso Del Grosso è stato invece all’Olympia Agnonese, arrivando al quinto posto nel girone F di Serie D, miglior piazzamento nella storia del club granata, che è valso la qualificazione ai play off. Ad Agnone tra l’altro ha avuto come collaboratore Alessandro Spinoglio, lancianese che ha lavorato anche nello staff di Roberto D’Aversa alla Virtus.

Del Grosso con lo staff ad Agnone: alla sua destra Spinoglio (da Eco dell’Alto Molise)

Tra Francavilla e Agnone, Del Grosso è stato in teoria anche alla Virtus: nel 2015-2016 gli è stata infatti affidata la panchina della Berretti, che però in pratica era una formazione giovanile del Racing Ardea, la società oggi diventata Racing Roma, che giocava appunto ad Ardea, cittadina presso Roma dove Del Grosso è nato nel 1972.




Da calciatore Del Grosso ha militato per tre stagioni in A, con Bari e Salernitana. Nel club granata ha avuto Drazen Bolic compagno di squadra, e nel 1997-98 ha vinto il campionato cadetto. Della sua militanza a Salerno, va ricordato un gol memorabile segnato a San Siro contro il Milan nella stagione 1998-99.


Al minuto 1:05 il gol di Del Grosso a San Siro

 

In B Del Grosso ha giocato inoltre con Catania, Catanzaro e Napoli; in C, oltre che col Francavilla, con Avellino, Avezzano, Celano, Chieti, Pisa, Martina Franca, Teramo e Val di Sangro. Ha smesso nel 2009-2010, chiudendo la carriera con la Renato Curi Angolana in D, società nella quale ha poi ricoperto il ruolo di direttore sportivo.

Memorial Lorenzo Costantini al palazzetto dello sport

Lunedì 26 giugno scadono le iscrizioni alla terza edizione del Memorial Lorenzo Costantini, il torneo di calcio a 5 che si svolge dal 3 al 22 luglio al palazzetto dello sport di Lanciano. Il ricavato sarà devoluto alla onlus Lorenzofacciungoal, l’associazione fondata da amici e parenti di Lorenzo Costantini. Sulla pagina Facebook della manifestazione è possibile scaricare il modulo di iscrizione.




La signora Ida benedice il nuovo corso del Lanciano: «Tornerò allo stadio»

L’ospite più applaudita della presentazione del nuovo presidente Fabio De Vincentiis è stata indubbiamente Ida Lio, vedova del compianto presidente Ezio Angelucci, che probabilmente, quando è stata annunciata, ha strappato alla platea un applauso anche più grande dello stesso De Vincentiis.




Del resto è noto che il presidente Angelucci non è ma stato scalzato dal primo posto nella classifica sentimentale dei tifosi lancianesi, per i quali continua a essere il presidente per eccellenza: gli applausi scroscianti alla vedova ne sono stata l’ennesima conferma.




La signora Ida, che al termine della cerimonia ha ricevuto una targa ricordo dalla società, non ha negato un breve saluto per fare l’in bocca al lupo alla nuova società, e incalzata da De Vincentiis sulla sua presenza allo stadio si è fatta strappare la promessa: «Sono contenta di vedere alla guida del Lanciano un presidente giovane e pieno di entusiasmo», ha detto, «gli faccio l’applauso più grande, e prometto che quando potrò sarò con voi allo stadio».

De Vincentiis consegna a nome della società la targa ricorda alla signora Ida

Mario Giancristofaro presidente onorario del Lanciano





Il giornalista Mario Giancristofaro, corrispondente di lungo corso del quotidiano Il Messaggero, sarà il presidente del Lanciano. Ad annunciarlo è stato il presidente del club, Fabio De Vincentiis, in occasione della presentazione all’ex Casa di conversazione.

Mario Giancristofaro con De Vincentiis che annuncia la carica di presidente onorario

Della dirigenza faranno parte, come anticipato nei giorni scorsi, Antonio Paciarella e Francesco Di Gennaro, ma l’organigramma societario, come spiegato dallo stesso De Vincentiis, non è stato ancora completamente definito.



Lo stemma cittadino aggiunto nello scudetto del Lanciano





Come anticipato, lo scudetto del Lanciano Calcio 1920 ha subito qualche aggiustamento: in particolare è stato aggiunto lo stemma della città con un pallone sovrapposto al centro dello scudo, lì dove era stato sistemato solo un pallone.

Lo scudetto non era presente sui vessilli affissi in sala e all’esterno in occasione della presentazione della nuova società, che sono stati realizzati con il primo stemma confezionato, ma era stampati sulle sedie delle prime file che indicavano i posti riservati.