Cambia il programma delle amichevoli: sabato c’è il Penne al Biondi





Cambia il programma delle amichevoli estive del Lanciano: i rossoneri domenica non saranno ospiti del Cupello come previsto, ma riceveranno sabato al Biondi il Penne, altra formazione che milita nel campionato di Eccellenza, e che nella scorsa stagione ha concluso il torneo all’undicesimo posto. L’inizio della gara è previsto per le 17:00 come nelle precedenti gare con Virtus Rocca San Giovanni e Miglianico.

Alessandro Tarquini in azione contro il Miglianico

Primi allenamenti per tutte le giovanili del Lanciano

Giovedì 10 e venerdì 11 agosto allo stadio Biondi si svolgono due allenamenti delle squadre giovanili del del Lanciano. Giovedì alle 18:30 è il turno di Allievi e Juniores, mentre venerdì, sempre alla stessa ora, appuntamento per Piccoli Amici, Primi Calci, Pulcini, Esordienti e Giovanissimi.




Le due giornate calcistiche hanno lo scopo di far svolgere ai ragazzi un allenamento con esercitazioni tecnico-tattiche e iniziare a conoscere da vicino tutto lo staff tecnico in vista della stagione 2017-2018.

Lanciano 3
Miglianico 0

Tris dei rossoneri a una squadra di Eccellenza nella seconda amichevole estiva. Nel primo tempo Di Gennaro trascina l’attacco dei frentani


Tano (1’ st Di Vincenzo); Boccanera (1’ st Giancristofaro), Scudieri (18’ st La Morgia), Natalini, De Santis (1’ st Petrillo); Petrone (20’ st Cotellessa), Quintiliani (9’ st Rullo), Shipple (9’ st Vitali); Val (1’ st Ballanti); Tarquini (9’ st Cianci), Di Gennaro (1’ st Sardella). Allenatore: Alessandro Del Grosso
De Deo (1’ st Ferrara); Camporesi (1’ st Sami), Gazzoni (1’ st Direttore), Cinquino (1’ st Grossi), Di Giacomo (1’ st Pizzica); Battista (1’ st Fiaschi), Marfisi (1’ st Di Moia); Liberato (1’ st Cocco), Verna (1’ st Giandonato), Morelli (1’ st Albi); Di Muzio (1’ st Palombaro). Allenatore: Mario D’Ambrosio
ARBITRO Stanislao Montefusco con i segnalinee D’Ovidio e Gallucci (Csi)
RETI 2’ pt Boccanera, 9’ pt Di Gennaro, 16’ pt Quintiliani
NOTE angoli 4-1; nessun recupero, secondo tempo terminato con due minuti di anticipo; spettatori 150 circa

Del Grosso conferma la stessa formazione che ha disputato l’amichevole con la Virtus Rocca San Giovanni, con l’unica innovazione nella coppia di attaccanti, dove dal primo minuto a fianco a Tarquini c’è Di Gennaro al posto di Sardella. Proprio Di Gennaro si presenta come uno dei più in forma, decisamente più pimpante rispetto all’uscita con i roccolani, tanto che è lui a ispirare quasi tutte le azioni offensive nel primo tempo.




I 45 minuti iniziali sono dominati da un Lanciano reattivo e deciso, che lascia pochissimi spazi all’attacco miglianichese e aggredisce costantemente i portatori di palla avversari. Al 1’ i rossoneri già sfiorano il gol con Scudieri che sfiora il palo su corner, e subito dopo segnano con Boccanera servito da Di Gennaro.

Le due squadre schierate a centrocampo prima dell’incontro

Anche Boccanera è stato protagonista di una prestazione particolarmente positiva: affonda spesso e bene, e di fatto annuncia che le incursioni sulla corsia destra saranno una delle armi migliori del Lanciano di Del Grosso. In generale comunque è tutta la squadra che offre una buona prova e mostra un’ottima intesa tra i reparti, probabilmente dovuta anche a uno stato di forma migliore rispetto al Miglianico.




A firmare il raddoppio è Di Gennaro, che si alza più di tutti su un corner di Shipple. Il centravanti è protagonista anche nell’azione del tris: riceve palla da Shipple e innesca Tarquini, che viene atterrato da De Deo, ma la regola del vantaggio permette a Quintiliani di ribadire in rete.

Una punizione a due in area calciata dal Lanciano

Al 20’ Di Gennaro viene lanciato da Petrone, ma è anticipato al limite da De Deo in uscita, e al 30’ lancia Tarquini che da destra incrocia sul secondo palo senza centrare il bersaglio.




Nella ripresa Del Grosso ridisegna il centrocampo, con Shipple che prima di uscire viene avanzato trequartista, Petrone che prende il suo posto a sinistra, e Ballanti che inizia mezzala destra prima di sistemarsi centrale in difesa con l’uscita di Scudieri.

Del Grosso parla alla squadra durante l’intervallo

Il secondo tempo si gioca a ritmi più bassi, ma in linea di massima è sempre il Lanciano a tenere il pallino del gioco, anche se il Miglianico, pur senza creare grattacapi a Di Vincenzo, si fa vedere di più nella fase offensiva.




All’8’ Natalini ci prova di testa ma blocca Ferrara. Al 20’ due conclusioni di Rullo e Sardella da fuori area non centrano la porta. Al 23’ è invece bravo Ferrara, prima chiudendo su Sardella che scappa alla difesa ospite, poi opponendosi a Cianci lanciato da Rullo.

Una fase di gioco nella ripresa

Insidiose anche le conclusioni di Giancristofaro al 28’ che sfiora il palo, e di La Morgia che lo colpisce al 33’. L’ultima occasione da rete è un’azione prolungata di Sardella, che entra in area, si destreggia bene, ma conclude debolmente tra le braccia del portiere.

Lanciano nel girone B di Prima Categoria

Il Lanciano ormai è con più di un piede e mezzo in Prima Categoria: la Figc Abruzzo ha ufficializzato oggi i gironi del terzo campionato regionale, che vedono i rossoneri inseriti nel raggruppamento B, lo stesso nel quale nella scorsa stagione ha militato la Marcianese. L’unica piccolo spiraglio per un ripescaggio last minute resta sempre il ritiro di un club già regolarmente iscritto in Promozione.




Certo, la speranza è sempre l’ultima a morire, ma il tempo passa e il lumicino della categoria superiore è sempre più flebile. E anche il torneo di Prima Categoria presto o tardi inizierà: è quindi bene che la società prepari un “piano B” per affrontarlo, nel caso i giocatori con richieste da divisioni superiori vogliano accasarsi altrove. L’unica certezza infatti è che oggi il Lanciano deve fare i conti con un campionato diverso da quello per il quale il presidente Fabio De Vincentiis ha allestito un organico più competitivo.




Nel girone B di Prima Categoria ci sarà la stracittadina con l’Athletic Lanciano, club che ha ripreso il titolo sportivo del Guastameroli. Altra novità rispetto al campionato della Marcianese è lo spostamento dell’Orsogna dal girone C. Le neopromosse sono Atessa e Atletico Cupello; le retrocesse Vasto Marina e Virtus Ortona. Di seguito l’organico completo del girone B di Prima Categoria:

ATESSA MARIO TANO
ATHLETIC LANCIANO
ALETICO CUPELLO
FRESA
LANCIANO
ORSOGNA
PAGLIETA
REAL MONTAZZOLI
ROCCASPINALVETI
SAN VITO 83
SCERNI
SPORTING SAN SALVO
TOLLESE
TRIGNO CELENZA
VASTO MARINA
VIRTUS ORTONA

Doppio allenatore e responsabile di fascia sono le novità del settore giovanile del Lanciano

Due sono le novità proposte dal settore giovanile rossonero nato dalla collaborazione tra Lanciano, Accademia Calcio Frentana e Spal Lanciano: la presenza di due allenatori per squadra e il responsabile di fascia. Nella serata di ieri è stato presentato in maniera ufficiale ciò che nei giorni addietro era stato sancito da una informale stretta di mano tra il presidente Fabio De Vincentiis e i responsabili delle altre due società.




Le formazioni Juniores, Allievi, Giovanissimi ed Esordienti avranno ognuna due tecnici, ma in nessuna formazione lavoreranno le stesse persone. «Quest’alternanza di partner», spiega Giuseppe Di Pasquale, uno dei fondatori dell’Accademia, «ha l’obiettivo di far sì che non siano la mano ed il carattere di un unico istruttore a fare breccia nella singola squadra, ma che si veda la mano di più allenatori, andando a creare un legame collettivo più ampio».

Di Pasquale illustra la struttura del settore giovanile

«Questa iniziativa rispecchia a pieno quella che è stata la filosofia dell’Accademia da due anni a questa parte», continua Di Pasquale, «il responsabile di fascia avrà l’onere di coordinare le attività dei vari gruppi per fascia di età, in modo da ottimizzare al massimo il lavoro dell’intero organigramma».




I componenti dello staff sono Giuseppe D’Aloisio, Gianluca Rosato, Thomas Di Campli, Valerio Valerio e Alberto Iezzi che già facevano parte dell’Accademia; Camillo Di Biase proveniente dal Castel Frentano; Donato D’Alicarnasso e Salvatore Panico dalla Spal, e Giuseppe Saltarella dal Fossacesia. Della dirigenza del settore giovanile faranno invece parte Leonardo Di Florio, in qualità di responsabile tecnico, e Andrea D’Orsogna, investito del ruolo di direttore organizzativo.

D’Orsogna, De Vincentiis, Di Florio e Toppeta durante la presentazione

A fare gli onori di casa nell’incontro tenutosi nell’ex Casa di Conversazione è stato Luigi Toppeta, che, prima di passare la parola agli ospiti, battezza l’appuntamento come «il più importante della stagione», definendo il settore giovanile «il punto fondamentale per creare prima di tutto uomini, poi calciatori», e il calcio «veicolo sociale e palestra di vita».




Anche D’Orsogna sottolinea il ruolo anzitutto educativo del settore giovanile, prima di ribadire l’assoluta unità di intenti col presidente De Vincentiis e mettere in evidenza il concetto di «buona condotta scolastica come motore per poter giocare a calcio», facendo notare come questo sia stato il dictat dell’Accademia dal giorno della sua nascita.

Giovani rossoneri all’opera in piazza dopo l’incontro nell’ex Casa di conversazione

Di Florio pone come obiettivo quello di «sfornare giovani di Lanciano in grado di indossare in futuro la maglia rossonera». Un cenno alla memoria storica viene fatto invece dal direttore Giancarlo Micolucci: «Questa è la casa del calcio frentano: la Frentania storica nell’antichità si estendeva tra i fiumi Fortore e Moro, e la nostra ottica deve essere quella di spaziare in un’area il più grande possibile».




La chiosa spetta al presidente De Vincentiis: «Non esiste una città che non abbia una squadra di calcio, come non esiste una squadra di calcio che non abbia un settore giovanile. Voglio ringraziare», sottolinea il presidente, «l’Accademia e la Spal che ci hanno permesso in brevissimo tempo di mettere su una struttura che possa consentire ai ragazzi di Lanciano di fare calcio ad un certo livello».

Mercoledì al Biondi amichevole col Miglianico di Marfisi

Mercoledì alle 17:00 il Lanciano ospita al Biondi il Miglianico per la seconda amichevole estiva dei rossoneri. I gialloblù dall’anno scorso sono guidati in panchina da Mario D’Ambrosio, che in precedenza era stato il tecnico di Juniores e Allievi, oltre che responsabile del settore giovanile.




D’Ambrosio schiera solitamente i suoi con 4-2-3-1 o con il 4-3-3, e tra i giocatori in organico può contare su Augusto Marfisi, uno tra i ragazzi più talentuosi usciti nelle ultime stagioni dal settore giovanile della Virtus Lanciano. Marfisi viene solitamente schierato come mezzala nel 4-3-3 o nella coppia di mediani nel 4-2-3-1.

Giocatori del Miglianico al termine di una gara dello scorso campionato vinta 2-1 col Capistrello grazie a una doppietta di Augusto Marfisi

Il Miglianico ha concluso il precedente campionato di Eccellenza al terzultimo posto, salvandosi poi ai play out vincendo 0-1 in casa del Morro d’Oro. La squadra è ancora in costruzione, e anche per questa stagione l’obiettivo dei gialloblù resta la salvezza, possibilmente in maniera meno sofferta.




Marfisi è arrivato in gialloblù l’anno scorso. In precedenza aveva vinto il campionato di Eccellenza con la Vastese di Gianluca Colavitto insieme ad Alessandro Tarquini e Alessio Natalini, ora in forza al Lanciano. Ha giocato anche con Val di Sangro in Promozione e Terracina in D, e in C all’Aquila e Aprilia, dove ha avuto come compagno di squadra il portiere Mattia Di Vincenzo.

L’ultimo gol segnato da Marfisi (su punizione) con la maglia del Lanciano nella fase nazionale del torneo Berretti, contro il Frosinone a Villa delle Rose

Con la Virtus Marfisi è stato vicecampione d’Italia Berretti nel 2010-2011, e conta 6 presenze in campionato con la prima squadra. Sul versante rossonero l’ex di turno è invece il tollese Mario Quintiliani, che con la maglia del Miglianico tra il 2009 e il 2013 ha giocato tre campionati di D e 2 di Eccellenza.




Le ultime gare ufficiali tra i rossoneri e il Miglianico risalgono ad oltre trenta anni fa, quando il Lanciano ’90 affrontò i gialloblù nell’Eccellenza 1993-94 e 1994-95, e nella Promozione 1992-93, campionato in cui la squadra del presidente Stefano Mercadante si piazzò al primo posto lasciandosi alle spalle proprio il Miglianico, secondo a 4 punti.

Il 9, 13 e 20 agosto le prossime amichevoli del Lanciano

Il Lanciano disputa la prossima amichevole mercoledì 9 agosto alle 17:00 allo stadio Biondi. Dopo la partita con la Virtus Rocca San Giovanni, stavolta i rossoneri affrontano una squadra di categoria superiore: il Miglianico, che si prepara ad affrontare il campionato di Eccellenza.




È stato invece fissato per domenica 13 agosto l’incontro con il Cupello, che pure partecipa al massimo torneo regionale e ha iniziato la preparazione il 29 luglio. La partita si giocherà al Comunale di Cupello.




I rossoneri tornano invece al Biondi per l’ultima amichevole, fissata per domenica 20 agosto con lo Spoltore, formazione che nell’ultima stagione ha conquistato l’accesso in Eccellenza grazie al secondo posto nel girone B di Promozione con 15 punti di distacco sulla terza classifica.

Del Grosso parla alla squadra durante l’intervallo dell’amichevole con Rocca

Lanciano 6
Virtus Rocca San Giovanni 0

Tano; Boccanera (1’ st Giancristofaro), Scudieri, Natalini (1’ st Ballanti), De Santis (15’ st Nativio); Petrone (10’ st Cotellessa), Quintiliani (5’ st Rullo), Shipple; Val (6’ st La Morgia); Tarquini (1’ st Di Gennaro), Sardella (1’ st Cianci). Allenatore: Alessandro Del Grosso
Di Campli (15’ st Flaminio); Saltarella, Gikaj (1’ st Bosco), De Santis (1’ st Di Matteo), Alfino; Ciccocioppo (1’ st D’Angelo), Bah, Giardino (1’ st Pinotti), D’Amario (1’ st Scopinaro); D’Addario, Dav. Nenna (1’ st Dan. Nenna). Allenatore: Pio Fiore Di Vincenzo




ARBITRO Domenico Delli Pizzi (preparatore dei portieri del Lanciano)
RETI 10’ pt Sardella, 23’ e 26’ pt Tarquini, 2’ e 19’ st Cianci, 34’ La Morgia
NOTE Tempi da 35’; angoli 6-0; recupero 1’ pt 0’ st; spettatori 200 circa

La prima amichevole estiva ha dato l’idea di quello che sarà il Lanciano 2017-2018: Del Grosso, nella “sgamabata” con la Virtus Rocca San Giovanni (Seconda Categoria), ha schierato i suoi con il 4-3-1-2, con l’argentino Val trequartista e Quintiliani regista basso davanti alla difesa.




Scontata la coppia di centrali difensivi formata da Scudieri e Natalini, con Ballanti prezioso jolly, e Boccanera terzino destro. Nella mediana a tre Quintiliani è stato affiancato da Shipple a sinistra e Petrone a destra, mentre nei due tempi in attacco il tecnico ha alternato le coppie Sardella-Tarquini e Di Gennaro-Cianci.

Il fischio d’inizio di Lanciano-Virtus Rocca

Scontato il risultato, che ha visto i rossoneri andare tre volte per tempo a segno. Sul versante roccolano però si è visto un Di Campli in grande spolvero: l’ex portiere della Marcianese ha sventato una decina di chiare occasioni da rete, spesso a tu per te con gli avanti avversari. In campo con i roccolani di Di Vincenzo anche altri due ex Marcianese: Bah e Scopinaro, anche se quest’ultimo potrebbe presto ricevere una chiamata da una squadra di categoria superiore.




Al fischio d’inizio Del Grosso propone una partenza “alla Zeman”, con quasi tutta la squadra schierata sulla linea di centrocampo, pronta all’assalto. Il primo affondo si conclude infatti con un palo di Boccanera. Sardella apre invece le marcature ribattendo in rete un suo tiro respinto da Di Campli. Tarquini raddoppia al 23’ su assist di Sardella, e firma il tris poco dopo servito da Val. Alla mezzora l’attaccante rossonero centra anche la traversa.

Una fase del secondo tempo della partita

Nella ripresa uno dei più vivaci è Cianci, che infatti segna due volte, prima che il giovane La Morgia fissi il risultato sul 6-0. A rendere però meno pesante il risultato sono sempre gli interventi di Di Campli, oltre a qualche “peccato di mira” dei rossoneri. L’unico intervento di Tano è invece un tiro centrale di Bah bloccato dal portiere rossonero.

Via libera del consiglio federale Figc alle cinque sostituzioni nei dilettanti

Il consiglio federale della Figc ha approvato la proposta della Lega nazionale dilettanti sulla sperimentazione, dalla prossima stagione, della possibilità di fare cinque sostituzioni e non più tre nelle partite dei campionati dalla Serie D in giù. Una novità che quindi quest’anno vedremo anche a Lanciano, oltre a quella dei numeri di maglia fissi.




La proposta è prima passata al vaglio dell’International Football Association Board (Ifab), l’organismo internazionale che ha l’ultima parola su qualsiasi modifica al regolamento del gioco del calcio, e che può invitare alla sperimentazione Federazioni (come la Figc) e Confederazioni (come la Uefa).




«Una decisione che conferma ancora una volta la centralità della Lega nazionale dilettanti all’interno del sistema calcio», ha commentato presidente della Lnd, Cosimo Sibilia, «le cinque sostituzioni rispondono ad un esigenza di cambiamento che sta attraversando il calcio a livello mondiale e l’Italia così fa uno scatto in avanti nel processo di miglioramento».

Dopo l’esonero lampo dell’allenatore Marino l’Avezzano vuole provarci con Del Grosso





L’allenatore del Lanciano, Alessandro Del Grosso, è uno degli obiettivi dell’Avezzano che a sorpresa ha appena esonerato il tecnico Umberto Marino. È lo stesso club marsicano, che si prepara alla terza stagione consecutiva in Serie D, ad annunciare tramite il proprio sito ufficiale che Del Grosso è uno degli obiettivi per la panchina.




«Il presidente Paris in giornata sentirà Ottavio Palladini e Alessandro Del Grosso, che ancora non hanno firmato con nessuna società», si legge sulla pagina web della società biancoverde. La squadra marsicana è stata momentaneamente affidata al tecnico della Juniores Antonio Gallese. Oltre a Palladini e Del Grosso, nel mirino dell’Avezzano ci sarebbero anche Alessandro Lucarelli, Federico Giampaolo e Tiziano De Patre.

Le presentazione di Del Grosso nell’ex Casa di conversazione