Le immagini dei gol di Marcianese Lanciano-Tre Ville 3-1

Le immagini di Alessandro Di Biase con i gol della partita della 25esima giornata del campionato abruzzese di Prima Categoria giocata allo stadio Biondi tra Marcianese Lanciano e Tre Ville domenica scorsa. Reti segnate da Simone Aielli (6′ pt), Matteo Di Piero (19’ pt) , Antonio Romagnoli (45′ pt) e Gianluca Rullo (28′ st, rigore).




Marcianese Lanciano 3
Tre Ville 1

Forlani, Di Martino, Morena (1’ st Dushkaj), G. Rullo [C], Cianfarra, Bah, Ruffilli [VC], Carpineta, Aielli (42’ st Cocco), Di Piero, Cianci (41’ st Marongiu). A disposizione: L. Di Campli, Abate Chechile, Troilo, F. Di Campli. Allenatore: Piero D’Orazio
N. Rullo, Barbieri (29’ st Chirurgi), Alfino (8’ pt Primiterra), Di Giulio, Altobelli, P. Cianfrone, D’Intino, Pece, Taraborelli [VC] (9’ st Gaeta), Lanci [C], Romagnoli. A disposizione: D’Amario, Bussoli, E. Cianfrone, Lafsahi. Allenatore: Edmondo D’Amario
ARBITRO Ottavio Colanzi di Lanciano
RETI 6’ pt Aielli, 19’ pt Di Piero, 45’ pt Romagnoli, 28’ st Rullo (rigore)
NOTE 23’ st espulso P. Cianfrone per fallo da ultimo uomo; ammoniti Di Giulio, Barbieri, Carpineta; angoli 2-4; recupero 2’ pt 3’ st; spettatori un centinaio circa; in corsivo i fuori quota




La Marcianese rispetta il pronostico della vigilia superando il Tre Ville al Biondi e, grazie al contemporaneo e inaspettato ko del Piazzano a Celenza sul Trigno, torna a sperare in un posto nei play off. Per riniziare a sperare seriamente negli spareggi per la Promozione sarà decisiva la sfida in programma domenica prossima proprio a Montemarcone!

Supporters rossoneri sugli spalti del Biondi

I rossoneri partono bene, e già dalle prime battute si vede che saranno Di Piero e Cianci a dare i grattacapi più grossi alla difesa ospite, come ad esempio al 2’: Di Piero cambia tutto da destra a sinistra per Cianci, che centra per la testa di Aielli e Rullo para a terra. Al 6’ vantaggio lancianese con Aielli, che scappa alla difesa su lancio lungo di Carpineta e infila il portiere gialloverde, con gli ospiti che reclamano inutilmente il fuorigioco.

Il Tre Ville al 12’ chiede anche un penalty per un tocco di mano su una punizione, ma arriva presto il raddoppio dei padroni di casa: al 15’ Cianci in contropiede fallisce il 2-0 perché cincischia troppo di fronte al portiere al termine di un’azione solitaria, e il secondo gol lo segna poco dopo Di Piero, concludendo con un tiro dal limite all’angolino un altro assolo che lo vede saltare tre avversari.

I compagni di squadra si complimentano con Di Piero dopo il raddoppio

Sembrerebbe una gara tutta in discesa per la Marcianese, ma il Tre Ville è vivo e si fa vedere al 22’ con un palo esterno colpito da Lanci su una punizione che è una sorta di corner corto; al 27’ Taraborelli devia di testa una punizione-cross dalla distanza ma non indovina la porta; al 29’ un minuto abbondante di pericoloso batti e ribatti nell’area di casa si risolve in un calcio d’angolo: al 37’ Forlani non trattiene un tiro da fuori di Di Giulio e Pece da due passi manda alto.




I rossoneri si fanno rivedere al 38’ con Cianci, autore ancora una sgroppata partendo da centrocampo su suggerimento di Bah, che però stavolta manda la palla alla sinistra di Rullo. Al 40’ altro legno gialloverde: tiro di Romagnoli respinto da Forlani e traversa di Pece sulla ribattuta. Prima del riposo i padroni casa sfiorano il tris: al 43’ Di Piero ispira Cianci che dal fondo crossa per il Rullo rossonero, che si incunea in area e trova pronto ad opporsi tra i pali il suo omonimo, che un minuto dopo dice no pure ad Aielli.

Il palo esterno colpito da Lanci al 22’

Si va al riposo sul 2-1, perché proprio al 45’ Romagnoli sfrutta un velo di Taraborelli e accorcia le distanze. Nell’azione del gol inoltre Morena rimedia una distorsione, ed è costretto ad abbandonare il campo. Il ritorno in campo vede entrambe le squadre “ingessate”: si assiste praticamente a una ventina di minuti nei quali si conclude in porta pochissimo, con la Marcianese che fatica e costruire gioco per chiudere la partita, e il Tre Ville che stenta ad affondare per inseguire il pari.

Per riaccendere la gara servono un po’ di guizzi di Di Piero: il folletto rossonero al 24’ s’invola verso Rullo, e la trattenuta al limite dell’area causa l’espulsione di Cianfrone. Il portiere gialloverde para la punizione calciata dal capitano rossonero, ma nulla può sul rigore, sempre procurato da Di Piero, che al 28’ permette a Gianluca Rullo di realizzare il decimo gol stagionale.


Le due punizioni e il rigore calciati da Gianluca Rullo nel secondo tempo

 

La sfida su punizione tra i due Rullo si ripete al 33’, ma anche stavolta la spunta il portiere ospite, che poi al 35’ neutralizza anche una conclusione debole dal limite di Di Piero, quando lanciato da Carpineta preferisce tentare la sorte dalla distanza piuttosto che affondare.

Il Tre Ville nella ripresa è meno incisivo, e si fa vedere dalle parti di Forlani con qualche punizione calciata in area che non crea troppa apprensione. Prima del finale si registrano pure un altro paio di opportunità per il poker, con un paio di spunti di Cianci e un tiro di Dushkaj intercettato da un difensore. Finisce con tre punti sicuramente meritati, che però a un certo punto non sono sembrati così scontati.

Primiterra protegge un’uscita di Rullo pressato da Ruffilli

CLICCA QUI per risultati della 25esima giornata e classifica
CLICCA QUI per calendario completo in pdf con risultati e classifica

Real Porta Palazzo 1
Marcianese Lanciano 2

Di Biase, Lanfranchi, Savino, Bogatsu, Napolitano, Budano, Fioravante (25’ st D’Alessandro), D’Ascanio, Torres, D’Adamo, Madonna (18’ st Menabuoni). A disposizione: Paolino, Turri, Bolognese, Stivaletta. Allenatore-giocatore: Roberto Budano
marcianese-lancianoVeleno, Valentini (41’ st F. Di Campli), Di Martino, Rullo, Cianfarra, Rositi, Dushkaj, Carpineta, Di Odoardo (1’ st Marongiu), Aielli, Morena (13’ st Di Piero). A disposizione: L. Di Campli, Commodo, Falcone, Di Florio. Allenatore: Antonio Bucci
ARBITRO Elena Bomba di Lanciano
RETI 46’ pt Torres (rigore), 20’ st Di Piero, 34’ st Rullo
NOTE Ammoniti Bogatsu, D’Adamo, Budano e D’Ascanio del Real Porta Palazzo, Marongiu e Di Piero della Marcianese; 45’ pt allontanato dal campo l’allenatore della Marcianese Bucci per proteste; angoli 2-3; recupero 2’ pt 3’ st; spettatori 80 circa di cui una trentina ospiti; in corsivo i fuori quota

Un prova di carattere e la quarta punizione vincente di capitan Rullo permettono alla Marcianese di espugnare il campo del Real Porta Palazzo nell’anticipo dell’ottava giornata, e conquistare così la prima vittoria esterna stagionale. Con i tre punti strappati con merito sul campo Pepe di Vasto la squadra di Lanciano, in attesa degli altri risultati, mette inoltre piede in zona play off.

I rossoneri iniziano bene la gara: per quanto possono manovrano palla a terra e costringono bassa la formazione di casa. La mole di gioco non produce tuttavia grosse emozioni, perché manca l’ultimo passaggio buono, a volte anche a causa del terreno di gioco, e l’intesa tra Aielli e Di Odoardo (costretto a uscire per infortunio nell’intervallo) non è brillante come una settimana fa. Dall’altro comunque c’è un Real coriaceo e ben messo in campo, che fa perno su Bogatsu che primeggia sulla mediana, cerca di arrivare in porta con passando per gli esterni che lanciano alla ricerca degli spunti di Torres e Madonna.

real-porta-palazzo-marcianese-lanciano-1-2-a

I primi tiri, manco a dirlo, sono un paio di punizioni dalla distanza di Rullo, che non vanno neanche troppo lontano dal bersaglio. Al 14’ i vastesi ci provano con Torres da fuori, ma la sua conclusione è completamente sbilenca. Dopo la buona partenza degli ospiti, il Real alza il baricentro, e per oltre metà del primo tempo è abbastanza evidente la supremazia territoriale dei vastesi, pur mancando anche a loro lo spunto decisivo.

La gara scorre infatti priva di emozioni rilevanti: al 31’ un tiro smorzato di Dushkaj diventa un assist per Morena, ma Di Biase è bravo a gettarsi sui piedi dell’attaccante; Veleno fa grossomodo lo stesso al 34’ per neutralizzare D’Adamo. Il “botto” arriva all’ultimo giro di lancette, quando la Bomba vede dentro l’area un contrasto sulla linea tra Rositi e Madonna e indica il dischetto. Le proteste più veementi sono quelle del tecnico Bucci, che entra in campo e viene perciò allontanato dalla direttrice di gara. Veleno intuisce il tiro dagli undici metri di Torres ma non ci arriva, e così si va al riposo con i gialloneri in vantaggio.

real-porta-palazzo-marcianese-lanciano-1-2-b

La ripresa inizia con il Porta Palazzo che dà l’impressione di essere ancora padrone del campo, e al 5’ sfiora addirittura il raddoppio con D’Adamo, che servito da Madonna si presenta davanti a Veleno per tentare un pallonetto poca fortunato. Dopo il brivido i lancianesi prendono in mano il pallino del gioco, e premono costantemente lasciando al Real pochi spunti in contropiede.

Al 7’ un brutto fallo di Budano su Morena viene sanzionato con il giallo e una punizione dall’angolo destro dell’area, che Rullo manda innocuamente tra le braccia di Di Biase. Un minuto dopo Aielli mette Marongiu davanti alla porta, ma l’arbitro ferma l’azione per un fuorigioco non evidentissimo. All’11’ Aielli dal fondo serve Marongiu sul primo palo, ma Di Biase gli chiude lo specchio. I padroni di casa si fanno rivedere al 17’ con una girata di D’Adamo facile preda di Veleno.

Nel frattempo Bucci si gioca la carta Di Piero, che si rivela vincente, perché la vivacità del giovane esterno rossonero mette un bel po’ di pepe in più all’attacco ospite. Proprio Di Piero infatti firma il pari: l’azione nasce da uno spunto di Marongiu che imbecca Aielli; Di Biase si distende per intercettare la conclusione angolata dell’attaccante; Di Piero si fionda sulla palla e, quasi dal fondo, riesce a infilare il meritato pari.

real-porta-palazzo-marcianese-lanciano-1-2-c

L’1-1 non sazia la Marcianese, che continua a fare la partita. La reazione del Porta Palazzo è tutta in tiro debole e centrale di Manabuoni al 22’, mentre dall’altro lato, dopo un’inzuccata velleitaria di Aielli su cross di Dushkaj, al 29’ Marongiu si divora il raddoppio: Di Piero lo mette davanti a Di Biase con un preciso assist a pallonetto, ma sulla conclusione ha la meglio il portiere giallonero. A una decina di minuti dal termine ci pensa il piede fatato di Rullo a risolvere la partita: nella circostanza Di Biase non è impeccabile, e il capitano trasforma in oro una punizione defilata sulla sinistra da 25 metri, portando a cinque il suo bottino di reti stagionali, quattro delle quali su punizione.

Bucci si copre spostando Di Piero sulla linea di centrocampo, e passa quindi dal 4-3-3 al 4-4-2. Portare a casa la vittoria per il fortino lancianese non è però una passeggiata, anche perché la gara a 5’ dal termine rischia di incattivirsi: durante un attacco vastese Valentini resta a terra in area, e dopo che Torres tenta di strattonarlo ne nasce un parapiglia che sul momento viene placato. L’attaccante argentino però se la prende con Dushkaj, e per un paio di minuti lo provoca a tutto campo: il centrocampista albanese dà prova di maturità ed è bravo a non reagire. La Marcianese si chiude a riccio per respingere gli assalti finali, e nel recupero il guantone di Veleno è decisivo per neutralizzare l’ultimo brivido provocato dal solito D’Adamo, che trova un pertugio tra le maglie della difesa lancianese ma anche la mano del portiere che tiene in cassaforte i tre punti.

real-porta-palazzo-marcianese-lanciano-1-2-d