Ballanti al Penne

Il centrocampista Diego Ballanti (1997) non vestirà la maglia del Lanciano nella stagione 2017-2018: il giovane originario di San Benedetto del Tronto, l’anno scorso al Francavilla, ha firmato con il Penne.




Dopo aver concluso la preparazione con lo staff del tecnico rossonero Alessandro De Grosso, in seguito al mancato ripescaggio in Promozione, Ballanti ha accettato l’offerta del club biancorosso che partecipa al campionato di Eccellenza.

Ballanti (dientro di lui Rullo) durante un’amichevole estiva con la maglia del Lanciano


Oltre a Ballanti potrebbe lasciare Lanciano anche il terzino sinistro Gianluca De Santis (1999), proveniente dalle giovanili del Campobasso, anch’egli fuori quota. Del resto in Promozione e in Eccellenza bisogna schierare un ’97, un ’98 e un ’99, mentre in Prima Categoria è sufficiente avere in campo un ’95 e un ’96.




Non dovrebbero però esserci altre partenze di rilievo dopo il mancato ripescaggio: il grosso della rosa a disposizione di Del Grosso è infatti pronta a iniziare la stagione, nonostante il Lanciano non abbia ottenuto l’ammissione in Promozione.

Il difensore Natalini ultimo acquisto del Lanciano

Alessio Natalini, classe 1990, è l’ultimo acquisto del Lanciano: difensore centrale sinistro alto 185 centimetri, negli ultimi due anni ha vinto prima il campionato di Eccellenza abruzzese con la Vastese, e poi quello di Eccellenza marchigiana con la Sangiustese. Oggi ha iniziato il ritiro allo stadio Biondi agli ordini dell’allenatore Alessandro Del Grosso.




Nella Marche Natalini, originario di Vasto, ha conquistato il successo nel massimo torneo regionale anche con la Sambenedettese nel 2009-2010. In Eccellenza ha giocato inoltre a Cupello e Montenero, mentre in D ha esordito con la Maceratese nel 2008-2009, e vi è tornato per vestire la maglia della Renato Curi Angolana dal 2011-2012 per tre anni, e dell’Olympia Agnonese nel 2014-2015.

Natalini con la divisa dell’Angolana (foto da tuttocalciatori.net)


Leggi anche
Lanciano in ritiro: ecco gli uomini agli ordini di Del Grosso

Shipple, Val e Tano: tris di volti nuovi per il Lanciano e conferma di capitan Rullo della Marcianese

Non solo abbonamenti. Anzi, paradossalmente le tessere della stagione 2017-2018 non sono state neanche il piatto forte della presentazione di questa sera nell’ex Casa di conversazione. All’appuntamento con i tifosi infatti il Lanciano ha presentato ben tre volti nuovi freschi di tesseramento, oltre ad alcuni giocatori già annunciati nei giorni scorsi, e agli ingaggio di Francesco Di Gennaro e di Gianluca Rullo che era il capitano della Marcianese.

Il ds Antonio Paciarella con Shipple

Gli sportivi rossoneri hanno avuto modo di conoscere Omar Shipple, esterno mancino d’attacco nato a Roma nel 1992, che nelle ultime quattro stagioni ha giocato nell’Amiternina (tre campionati di D e uno di Eccellenza). In precedenza Shipple aveva militato con il Sulmona in Eccellenza, dove ha conquistato una Coppa Italia Abruzzo (2011-12) e una promozione in Serie D (2012-13).




A rinforzare il centrocampo arriva invece l’argentino Pablo Val, nato a Buenos Aires nel 1995 e cresciuto nel Platense. L’anno scorso Val è stato in D con la Civitanovese e in Eccellenza con il Penne. È arrivato in Europa due anni fa per giocare con i madrileni del Puerta Bonita nella terza serie spagnola dopo l’esperienza nel Talleres, in seconda divisione argentina.

Gianluca Rullo, Pablo Val, Lorenzo Sardella e Filippo Boccanera

Piero Tano, atessano, è invece un portiere classe 2000 che torna a Lanciano dopo essersi formato nelle giovanili della Virtus. Come Mattia Di Vincenzo l’anno scorso è stato al Cupello, in Eccellenza, dove ha avuto modo di collezionare due presenze in prima squadra.




Oltre a Shipple, Val e Tano, gli altri calciatori già tesserati presenti erano Di Vincenzo e Filippo Boccanera che hanno firmato nei giorni scorsi; Mario Quintiliani e Lorenzo Sardella che già sono stati presentati ai tifosi; Di Gennaro che finalmente ha sciolto la riserva sul suo impiego come calciatore.

Piero Tano, Mario Quintiliani e Mattia Di Vincenzo

È inoltre in procinto di firmare per il Lanciano anche Gianluca Rullo, che fino alla scorsa stagione è stato il capitano della Marcianese. Nell’ultimo campionato di Prima Categoria il centrocampista rossonero ha segnato ben undici reti su calci piazzati. È stato lo stesso presidente Fabio De Vincentiis ad annunciare che Rullo, lancianese classe 1987, farà parte della rosa del Lanciano 2017-2018.

Di Gennaro dice sì: giocherà un altro anno con la maglia numero 9 del Lanciano

Per dirla con una battuta: da direttore tecnico in pectore aveva promesso di riportare a Lanciano un grande ex rossonero, e siccome non c’è riuscito, per mantenere la promessa è stato costretto a tornare in campo lui stesso… Ad ogni modo, Francesco Di Gennaro giocherà un altro anno, nonostante avesse manifestato l’intenzione di smettere per dedicarsi all’incarico di direttore tecnico.




Del resto è con questo ruolo che è tornato a Lanciano al seguito del presidente Fabio De Vincentiis e che lo abbiamo intervistato qualche settimana fa. De Vincentiis però lo ha pressato costantemente per convincerlo a restare in campo, e a rinviare alla prossima stagione il trasferimento dietro la scrivania.

Il ds Antonio Paciarella annuncia il sì di Di Gennaro

L’annuncio ufficiale è stato dato questa sera, durante la presentazione della campagna abbonamenti nell’ex Casa di conversazione. Di Gennaro avrà quindi per la terza volta la maglia rossonera numero 9 (i dilettanti quest’anno hanno i numeri fissi) e anche la fascia da capitano. È infatti il giocatore più esperto in rosa, nonché quello con maggiore militanza in rossonero.




Col Lanciano l’attaccante napoletano classe 1982 ha giocato già in due occasioni: 17 presenze e 7 gol nel 2005-2006, prima di essere acquistato dalla Lucchese nel mercato invernale; 29 partite e 6 reti nel 2010-2011 con la Virtus. Angelucci lo aveva pescato nel Ferentino, in D, dove nel 2004-2005 aveva realizzato 15 gol in 15 partite.

Un rigore trasformato da Di Gennaro in Virtus-Andria 1-0 nel 2011

Dopo un anno e mezza a Lucca, nel 2007 Di Gennaro si è trasferito a Gallipoli, dove nel 2009 ha vinto il campionato di Prima Divisione ed è rimasto per mezza stagione in B. In Lega Pro ha militato anche in Hellas Verona e Barletta, rispettivamente prima e dopo la seconda stagiona a Lanciano. Dal 2012 ha giocato in D con il Matera, il Real Metapontino, il Campobasso e il Grosseto, prima diell’ingaggio della scorsa stagione col Francavilla.

Con gli abbonamenti il Lanciano presenta anche un altro attaccante

Insieme alla campagna abbonamenti, questa sera a partire dalle 19:00 nell’ex Casa di conversazione, il Lanciano del presidente Fabio De Vincentiis presenterà anche un altro attaccante con il quale in mattinata è stato chiuso l’accordo. All’appuntamento, insieme ai dirigenti, ci saranno lo staff tecnico e diversi giocatori, tra cui gli ultimi acquisti Mattia Di Vincenzo e Filippo Boccanera, e quest’ultimo arrivato del quale la società non ha ancora reso noto il nome, ma ha annunciato che ha trascorsi in Serie C e D.




Il club rossonero punta sul portiere lancianese Di Vincenzo

Il Lanciano cambia strategia per la scelta del portiere e va sul sicuro: a difendere i pali della porta rossonera sarà Mattia di Vincenzo, lancianese classe 1992, l’anno scorso in Eccellenza con il Cupello.




La dirigenza frentana inizialmente aveva infatti programmato di puntare esclusivamente su due fuori quota per primo e secondo portiere. Ora invece, con Di Vincenzo, il Lanciano avrà un estremo difensore con una discreta esperienza non solo tra i dilettanti ma anche tra i professionisti.

Di Vincenzo in allenamento col Cupello (foto da Abruzzowebtv.it)

Di Vincenzo ha mosso i primi passi nella Spal Lanciano, ma dai Giovanissimi in poi ha completato la trafila nel settore giovanile nel Siena, svolgendo anche più di un ritiro con la prima squadra. Una volta lasciato il club bianconero, il portiere lancianese ha giocato due anni in D, prima con la Santegidiese e poi con la Sambenedettese (secondo posto e play off).




Nel 2012-2013 ha esordito in C2 difendendo la porta dell’Aprilia che è stato eliminato in semifinale play off dal Teramo. Durante la militanza nella formazione laziale è stato inoltre convocato tre volte nella nazionale di categoria.

Il portiere lancianese in campo con la rappresentativa di Lega Pro

Dopo Aprilia, di Vincenzo è stato con la Maceratese in D e in C, con l’Amiternina in D e, infine, nell’ultima stagione al Cupello, che ha concluso il campionato di Eccellenza a metà classifica.

Il difensore Boccanera si accorda con il Lanciano

Filippo Boccanera è un calciatore del Lanciano: il difensore classe 1998, l’anno scorso in forza prima al San Nicolò in D e poi al Francavilla in Eccellenza, si è accordato con il club rossonero. I tifosi potranno conoscere Boccanera mercoledì, in occasione della presentazione della campagna abbonamenti: il neoacquisto dovrebbe infatti essere tra i giocatori che presenzieranno all’appuntamento alle 19:00 nell’ex Casa di conversazione.



Delli Pizzi torna a Lanciano: sarà il preparatore dei portieri di Del Grosso





L’ultimo colpo di mercato del Lanciano targato Fabio De Vincentiis riguarda lo staff: Domenico Delli Pizzi, già calciatore e preparatore dei portieri nel club rossonero, torna per la terza volta nella società frentana. L’ex numero uno del Lanciano di Carlo Florimbi ha ceduto oggi alla corte del direttore sportivo Antonio Paciarella.

Il ds Paciarella e Delli Pizzi mostrano una sciarpa rossonera

Originario di Spoltore e nato a Pescara nel 1955, Delli Pizzi è arrivato la prima volta a Lanciano nel 1987 dal Ravenna, prendendo il posto di Enrico Lattuada, eroe dello spareggio di Latina. È rimasto in rossonero fino al 1992 per un totale di 135 partite di campionato, prima di chiudere la carriera ad Atri. Proprio il Lanciano è la squadra con la quale ha disputato più incontri ufficiali.

Delli Pizzi ha esordito tra i dilettanti a inizio anni ’70, mentre nel 1973-1974 ha debuttato con l’Avellino in B, per poi tornare tra i dilettanti e giocare di nuovo tra i professionisti con Forlì, Monopoli, Cosenza e Ravenna in C, e col Cesena in A (6 presenze nel 1982-83).

Una formazione del Lanciano 1988-89 al Cinque Pini (©Ideal Foto)

Oltre che al Lanciano tra il 2008 e il 2010, è stato preparatore dei portieri in diverse squadre in Abruzzo: tra le altre Chieti, Giulianova e Guardiagrele. È reduce dall’esperienza nella sua Spoltore, che nell’ultima stagione è stato promosso in Eccellenza pur arrivando secondo nel girone dominato dal Chieti-Torre Alex.



Il difensore Boccanera (1998) vicino al Lanciano

Il Lanciano è vicino all’ingaggio del primo fuori quota classe 1998 da inserire nella rosa a disposizione dell’allenatore Alessandro Del Grosso: il club rossonero è infatti in procinto di tesserare Filippo Boccanera, terzino destro nato a Cascia, in Umbria, il primo marzo.




Dal 2012 in poi Boccanera ha completato l’iter delle giovanili con la Ternana, con cui ha giocato anche 5 partite nel campionato Primavera 2015-2016, tra l’altro scendendo in campo contro la Virtus Lanciano sia all’andata sia al ritorno.

Filippo Boccanera con la maglia del San Nicolò

Il difensore esterno ha iniziato la scorsa stagione con il San Nicolò in Serie D, ma a fine novembre una frattura allo zigomo rimediata in allenamento ne ha compromesso il rendimento. A dicembre è poi passato al Francavilla.




Il Lanciano punta a tesserare un altro paio di fuori quota ’98 per il ruolo di portiere, in modo da coprire in ogni caso questa fascia d’età; per l’esterno sinistro di difesa potrebbe invece arrivare un ’99.


Leggi l’articolo sulle regole per i fuori quota
Regole per i fuori quota nei campionati abruzzesi 2017-2018

Il Lanciano prende il centrocampista Quintiliani

Il Lanciano sistema un altro tassello importante per il centrocampo: la società del presidente Fabio De Vincentiis ha ingaggiato Mario Quintiliani, 27 anni ad ottobre, che viene presentato questa sera alle 19:00 al bar Micolucci.

Nell’ultima stagione Quintiliani È stato tesserato dalla Virtus Ortona che ha giocato nel campionato di Promozione. In precedenza aveva militato due anni in Eccellenza con il Cupello e altrettanti con il Miglianico, club con il quale ha disputato tre campionati di Serie D.