Al via play off e play out di Prima. Promozione ed Eccellenza legate alla salvezza del San Nicolò in D




Domenica 13 maggio cominciano gli spareggi in Prima Categoria. Dopo la stagione regolare, sono cinque le formazioni del girone B chiamate a scendere ancora in campo: Atessa Mario Tano, Vasto Marina e Virtus Ortona giocano per salire in Promozione; Tre Ville e Roccaspinalveti per non scendere in Seconda.

Alle 16:00 a Ortona la Virtus e il Vasto Marina si sfidano per la quinta volta in questa stagione, dopo le due gare di campionato e quelle di Coppa Abruzzo. Gli ortonesi, terzi nella stagione regolare, hanno a disposizione due risultati su tre per andare a sfidare l’Atessa nella finale di girone.

L’ultima sfida di campionato tra Virtus Ortona e Vasto Marina

Chi la spunta domenica 20 maggio al Fonte Cicero se la vede con la vincente dei play off del girone E. Anche qui c’è solo una semifinale, quella in programma tra Elicese e Vis Montesilvano: chi la vince sfida l’Hatria per accedere alla semifinale regionale, che si gioca in andata e ritorno.

Chi si impone nei play off dei gironi A, C e D disputa invece un triangolare dal quale esce l’altra finalista. Alla fine in palio c’è solo un posto per salire in Promozione. Per chi perde questo treno non resta che la speranza dei ripescaggi estivi.



Dall’altro lato della classifica, sempre domenica alle 16:00, a Mozzagrogna il Tre Ville di mister Antonio Bucci ospita il Roccaspinalveti per evitare la retrocessione in Seconda. I padroni di casa in campionato hanno battuto i roccolani sia all’andata sia al ritorno (l’ultima volta appena tre settimane fa sul campo dei biancoverdi). La squadra di Bucci per salvarsi ha a disposizione due risultati su tre.

Il Lanciano nel frattempo getta anche un occhio a quello che succede dalla Serie D in giù. Nel massimo torneo dilettantistico infatti c’è una squadra abruzzese impegnata negli spareggi per non retrocedere: il San Nicolò allenato dall’ex rossonero Fabio Montani se la deve vedere con la Jesina.

Montani un anno fa nella finale play off per la Serie D alla guida del Francavilla

Se retrocedono gli abruzzesi, dall’Eccellenza deve scendere un’altra squadra: in ballo ci sono Cupello e Miglianico, che hanno vinto un primo play out, che quindi non li ha ancora messi in salvo definitivamente. La retrocessa di questo eventuale spareggio finirebbe nel girone B di Promozione con il Lanciano.

La sconfitta del San Nicolò rimetterebbe in discussione a che la salvezza di Fater Angelini e Sportland Celano, che hanno vinto i play out giocati finora nel girone B di Promozione. In questo stesso campionato c’è inoltre la finale Val di SangroCasalbordino: chi perde sarà avversario del Lanciano nel prossimo campionato, mentre chi vince continua a sperare nell’Eccellenza sfidando nella finale regionale il Pontevomano, vicecapolista del girone A.

Play out e play off d’Eccellenza e Promozione: ecco altri prossimi avversari del Lanciano

Con i play out e i play off di Eccellenza e di Promozione che si sono giocati oggi vengono definite altre squadre destinate a disputare lo stesso torneo del Lanciano nella prossima stagione.

Gli spareggi per non retrocedere dall’Eccellenza salvano il Cupello, che ha battuto il Montorio 88 destinato al girone A di Promozione; al raggruppamento B, e quindi con il Lanciano, sarà invece assegnato il River Chieti, sconfitto 2-5 dal Miglianico dell’ex rossonero Marfisi (autore di una rete nella cinquina gialloblù).



Resta in Promozione l’Ortona, che un anno fa ha spadroneggiato nel raggruppamento B di Prima Categoria: nella semifinale play off di girone il Casalbordino ha avuto la meglio 1-0, e ora dovrà vedersela in finale con la Val di Sangro, seconda al termine della stagione regolare. La vincente affronterà il Pontevomano, vicecapolista del girone A già qualificata per la finale regionale.



Per ora in palio, in attesa ripescaggi, c’è un solo posto per l’Eccellenza 2018-2019: quindi Casalbordino e Val di Sangro potrebbero ugualmente ritrovarsi ad affrontare i rossoneri nel prossimo torneo di Promozione.

Salutano invece il girone B di Promozione, perché retrocessi in Prima con i play out, il Castiglione Val Fino, ko con lo Sportland Celano (che però non è escluso che raggiunga l’altra squadra di Celano nel girone A), e la Virtus Pratola, sconfitta dai pescaresi della Fater Angelini. A parte il Castiglione, le altre tre squadre erano neopromosse.


su questo argomento leggi anche
Verso la Promozione 2018-2019: dal San Salvo che scende dall’Eccellenza agli spareggi negli altri tornei

Verso la Promozione 2018-2019: dal San Salvo che scende dall’Eccellenza agli spareggi negli altri tornei




Il campionato di Eccellenza è finito, in Promozione resta da giocare una giornata e in Prima Categoria due: comincia così a prendere forma il girone nel quale sarà inserito il Lanciano nella prossima stagione che, salvo stravolgimenti, sarà quello B di Promozione.

Il futuro raggruppamento dei rossoneri include la parte meridionale dell’Abruzzo: la nostra provincia e quella di Pescara per intero, più qualche squadra “in prestito” dalle altre due (quest’anno erano Real Treciminiere e Castiglione Valfino da Teramo; Raiano, Sportland Celano, Sulmona e Virtus Pratola dall’Aquila).

I tifosi rossoneri a San Salvo per la gara con Roccaspinalveti

Tralasciando gli aggiustamenti estivi dovuti a ripescaggi, fallimenti e fusioni, al momento i rossoneri sono destinati a ritrovare il San Salvo, oggi ufficialmente retrocesso dall’Eccellenza. La perdente dello spareggio salvezza tra River 65 Chieti e Miglianico scenderà nel nostro girone; l’altro play out è fra Cupello e Montorio: se i perdenti saranno i cupellesi, verranno anch’essi a far compagnia al Lanciano.

Domenica si conclude invece il campionato di Promozione. Dal girone B è ormai retrocesso il Palombaro. Le altre formazioni che saluteranno questo torneo usciranno dai play out: adesso ci sono dentro Castiglione Val Fino e Fater Angelini Abruzzo avvantaggiati su Virtus Pratola e Sportland Celano. Fater e Sportland sono le due squadre ripescate l’anno scorso dalla Prima.



Il primo posto nel girone ce l’hanno praticamente in tasca i pescaresi del Delfino Flacco Porto, mentre per i play off sono pronti a giocarsela Casalbordino, Ortona e Val di Sangro. Tra queste al massimo una salirà in Eccellenza, perché con la retrocessione dalla Serie D dei Nerostellati Pratola sale solo una squadra tra i due gironi.

Matematicamente fuori da rischi e ambizioni, e quindi “avversari in pectore” del Lanciano, sono Bucchianico, Sulmona, Villa 2015, Real Treciminiere, Casolana, Piazzano, Fossacesia e Passo Cordone, mentre il Raiano può essere ancora risucchiato negli spareggi.

Una recente amichevole al Biondi tra Lanciano e Val di Sangro

Sicuramente tra le neopromosse il Lanciano ritroverà lo Scafa Cast che si è imposto nel girone C di Prima Categoria, ma non è escluso che ci sia anche una teramana del girone E (in testa sgomitano Borgo Santa Maria di Pineto e Hatria di Atri).

Visto che un’abruzzese è retrocessa dalla D, dai play off di Prima salirà una sola squadra. Chi passa nel girone B se la vede con quella del gruppo E in semifinale (andata e ritorno), e deve vincere la finale per salire. Il Lanciano quindi potrebbe ritrovare in Promozione una tra Atessa Mario Tano, Virtus Ortona, Vasto Marina e Athletic Lanciano, che ha ancora una piccola speranza di qualificarsi ai play off.


su questo argomento leggi anche

Regole invariate per promozioni, retrocessioni, play off e play out

Fissato l’inizio di Eccellenza, Promozione e relative Coppe Italia





La Figc Abruzzo ha definito le date di inizio dei due principali campionati regionali: Eccellenza e Promozione (categoria nella quale spera di essere ripescato il Lanciano) prenderanno il via domenica 3 settembre. Sarà invece deciso nelle prossime settimane il giorno di avvio della Prima Categoria, torneo nel quale al momento ha diritto a partecipare il club rossonero.




È stato inoltre stabilito che il primo turno della Coppa Italia dilettanti riservata alle formazioni di Promozione si giocherà con la formula dei triangolari domenica 27 agosto, mercoledì 6 settembre e mercoledì 11 ottobre. La Coppa di Eccellenza comincerà invece con gare di andata e ritorno in programma domenica 27 agosto e mercoledì 6 settembre.

E se si aprisse uno spiraglio per l’ammissione del Lanciano in Eccellenza?

E se alla fine il nuovo Lanciano entrasse in Eccellenza per il rotto della cuffia? Di certo in questo momento la strada per accedere al massimo campionato regionale è preclusa ai rossoneri. Infatti la società del presidente Fabio De Vincentiis oggi è in Prima categoria e chiede l’accesso in Promozione, e il regolamento per i ripescaggi esclude il doppio salto. Ma uno spiraglio potrebbe aprirsi nelle prossime settimane.




Tutto dipenderà da quante squadre mancheranno appunto per completare l’Eccellenza. In caso di posti vacanti, in coda c’è solo l’Amiternina di Scoppito che ha chiesto il ripescaggio. Se si liberasse più di un posto, il comitato regionale della Figc dovrebbe perciò pubblicare un nuovo bando.

In questo caso, non è detto che ci sia la coda: ad esempio, quando un anno fa in Promozione il Sulmona si è ritirato a pochi giorni dall’inizio del campionato, non tutti i club che avevano chiesto il ripescaggio a giugno lo hanno rifatto un paio di mesi dopo.




Le caselle da riempire in Eccellenza dipenderanno sia dai club che daranno forfait (il 21 luglio scadono le iscrizioni) sia da eventuali ripescaggi in Serie D: le abruzzesi che hanno fatto domanda sono il Francavilla (arrivato alla finale degli spareggi interregionali) e il Paterno (eliminato ai play off regionali). Le domande di ripescaggio sono 20. Ai primi di agosto di un anno fa venne dato il pass per la D e sette club.

Quindi, se tra ripescaggi e mancate iscrizioni in Eccellenza ci sarà più di un posto vacante, il comitato regionale dovrà sondare il terreno con un nuovo bando tra i club di Promozione che hanno fallito il salto di categoria. Ma se tra questi nessuno dovesse farsi avanti, derogando ai criteri abituali e con il bene placet di Roma, potrebbe esserci spazio anche per una candidatura del Lanciano.




Del resto l’organico allestito dal club rossonero è già quello di una squadra di buon livello di Eccellenza. La stessa Figc abruzzese dal canto suo avrebbe tutto l’interesse a dare una chance al Lanciano per entrare nella massima serie regionale, che nella prossima stagione già vede ai nastri di partenza due piazze storiche abruzzesi quali Chieti e Giulianova.

Giudice sportivo in Prima Categoria: mano pesante sul San Vito 83





Le sanzioni del giudice sportivo dopo la 29esima giornata del campionato di Prima Categoria rischiano di tagliare fuori il San Vito 83 dalla corsa per aggiudicarsi la Coppa Disciplina. Nel club biancazzurro è stato infatti squalificato per due turni Francesco Paolo Tosti, espulso dalla panchina, e per uno Andrea Catenaro, che ha ricevuto il rosso per doppia ammonizione; il dirigente Fabio Cupido è stato invece sanzionato fino al 10 maggio.

Nel resto del girone B di Prima saltano il prossimo turno anche Paolo Sciorilli (Piazzano), Carlo Cerella (Roccaspinalveti, che però riposa) e Manolo Di Battista (Tollese). Sono diffidati Giuseppe Orsini (Piazzano), Rosario Caruso (Real Montazzoli), Michele Marchesani (Real Porta Palazzo), Moreno Fanaro (Roccaspinalveti), Mario Cianci (San Vito 83), Marco Primomo (Tollese) e Alessio Pelliccia (Trigno Celenza).




Non ci sono calciatori squalificati per Marcianese e Trigno Celenza, che domenica alle 16:30 si affrontano in casa dei celenzani per il recupero della 17esima giornata, che a gennaio era stata rinviata in blocco a causa del maltempo. La squadra di Lanciano chiuderà poi il campionato il 7 maggio a Ortona.

Domenica 30 aprile, anche con i rossoneri che vanno fuori casa, lo stadio Biondi sarà ugualmente occupato, in quanto ospiterà la gara del campionato di Eccellenza tra Francavilla e Virtus Teramo. L’incontro è in programma alle 15:00.



CLICCA QUI per programma del recupero della 17esima giornata e classifiche
CLICCA QUI per calendario completo in pdf con risultati e classifiche

Regole per i fuori quota nei campionati abruzzesi 2017-2018

La Figc Abruzzo nelle scorse settimane ha reso noto il regolamento per l’impiego di “giovani calciatori”, meglio detti fuori quota, nei campionati organizzati dal comitato regionale nella stagione 2017-2018.

Il consiglio direttivo ha deliberato che ogni squadra in Eccellenza e in Promozione dovrà schierare nel corso della partita, tenendo anche conto delle sostituzioni, un giocatore nato nel 1997, uno del 1998 e uno del 1999. In Prima Categoria i fuori quota dovranno invece essere un ’95 e un ’96.

In caso di mancato impiego dei fuori quota imposti, si perde la gara a tavolino come quando si schierano calciatori squalificati o non regolarmente tesserati. Non vengono considerati i casi di espulsione dal campo e, qualora siano state già fatte tutte le sostituzioni, i casi di infortunio dei calciatori delle fasce di età prestabilite.

Riccardo Troilo (1998) in azione col Piazzano: è il fuori quota più giovane della Marcianese

Attualmente nel campionato di Prima Categoria bisogna schierare almeno un ’94 e un ’95. La Marcianese in rosa ha 12 fuori quota. Se, come ci sia augura, la squadra di Lanciano per la prossima stagione accederà in Promozione, potenzialmente potranno ancora essere impiegati come “giovani calciatori” i sette di loro nati dal ’97 in poi.

Ad ogni modo per il club rossonero sarà fondamentale lavorare sul settore giovanile, sia per valorizzare i ragazzi della zona sia per avere una formazione Juniores che possa fornire alla prima squadra giovani di qualità.