Pullman dei tifosi per Celenza e biglietti in prevendita al Micolucci




Al bar Micolucci sono in vendita a 6 euro i biglietti per la partita fra Trigno Celenza e Lanciano in programma domenica 17 dicembre alle 14:30 a Celenza sul Trigno. La società di casa ha annunciato che tra il primo e il secondo tempo saranno distribuiti fra il pubblico presente allo stadio castagne e vin brulé.

I gruppi della curva sud Ezio Angelucci hanno organizzato un pullman per seguire la squadra nella trasferta che chiude il girone di andata: il ritrovo è alle 11:30 in piazza Achille Cuonzo con partenza entro le 12; la quota di partecipazione è di 10 euro.

STATISTICHE E PARTITE DEL TRIGNO CELENZA
IL CALENDARIO DEL GIRONE B IN PDF

Il Lanciano gioca l’ultima di andata a Celenza sul Trigno




Il Lanciano giocherà regolarmente domenica a Celenza sul Trigno l’ultima partita del girone di andata, e non al Fonte Cicero di Atessa sabato come si era pensato nelle scorse settimane. L’ipotesi di ospitare la gara nell’impianto di Atessa alla fine è stata scartata per motivi di ordine pubblico, nonostante ci fosse l’accordo tra le società e il via libera della Lega.

Il club biancazzurro ha superato una serie di problemi tecnici e organizzativi, e così il Trigno Celenza potrà disputare la gara sul proprio terreno di gioco. Per i rossoneri sarà la prima partita ufficiale della stagione su un campo in terra, e la seconda partita in trasferta su sei, dopo quella di Cupello, che viene disputata sul campo utilizzato abitualmente dalla società ospitante.

Il campo di Celenza sul Trigno

IL CALENDARIO DEL GIRONE B IN PDF

Il ritorno di Di Cecco al Biondi: l’ex virtussino in tribuna per Lanciano-Scerni

 

Allo stadio Biondi oggi c’è stato uno spettatore speciale in occasione della partita tra Lanciano e Scerni: dalla tribuna ha seguito la gara l’ex centrocampista della Virtus Lanciano, Domenico Di Cecco, oggi in forza alla Sambenedettese in Serie C, ma che tra il 2009 e il 2015 ha giocato quasi 200 partite ufficiali in rossonero.




Di Cecco si è complimentato con la dirigenza e con il presidente Fabio De Vincentiis, in particolare per il clima che la società ha saputo ricreare intorno alla squadra, e ha fatto un saluto telegrafico ai tifosi tramite la pagina Facebook “Lanciano olè” che seguiva in diretta la partita: «Si è creata una bella atmosfera, tornerò spesso e volentieri», ha detto Di Cecco. L’auspicio è che prima o poi lo si possa rivedere anche in campo con la maglia rossonera.

Di Cecco oggi sulle tribune del Biondi

I mattatori di Lanciano-Scerni Di Gennaro e Tarquini in sala stampa





Cinque gol in due: mattatori della gara con lo Scerni sul fronte rossonero sono stati Alessandro Tarquini e Francesco Di Gennaro, autori rispettivamente di 3 e 5 marcature. Per loro ovviamente c’è anche la vetrina del novantunesimo in sala stampa.

«C’è sempre da migliorare», commenta Di Gennaro sulla falsa riga di quanto dichiarato dall’allenatore Alessandro Del Grosso, «siamo all’inizio e col tempo ci si amalgama maggiormente, ci conosciamo sempre di più, ma sappiamo dobbiamo sempre migliorare».

«A me interessa prima di tutto come si è approcciato con noi nello spogliatoio», dice poi il capitano del nuovo acquisto Daniele Avantaggiato, oggi all’esordio, «è una persona che sa stare in gruppo, serena: è il tassello giusto come uomo, oltre che quello che ci serviva come giocatore, per come fa girare palla e per come fa salire e scendere il ritmo della squadra».

Tarquini esce dal campo con una tripletta, ma anche con un calcio di rigore sbagliato: «L’ho voluto far fare a lui per farlo sbloccare», ironizza l’attaccante lancianese, ora a quota 8 nella graduatoria marcatori come Di Gennaro e Lorenzo Sardella: «Sulla classifica cannonieri ci scherziamo sopra ma non ci pensiamo più di tanto», dice Tarquini, «l’obiettivo unico è quello di squadra».

«C’è da lavorare e da migliorare sotto porta», aggiunge l’attaccante rossonero, «perché come capitano partite nella quali si crea tanto, ci sono pure quelle in cui si crea di meno e bisogna realizzare di più».

L’ARTICOLO SU LANCIANO-SCERNI
TUTTA LA 14ESIMA GIORNATA
IL CALENDARIO DEL GIRONE B IN PDF




Le dichiarazioni dell’allenatore Del Grosso dopo la vittoria sullo Scerni

«Bene il risultato ma prestazione sotto tono»: il tecnico Alessandro Del Grosso non si accontenta del 5-0, e della partita con lo Scerni mette in evidenza innanzitutto quello che non ha gradito. «Bene il primo tempo, il secondo no», dice Del Grosso in sala stampa, «sono arrabbiato per questo e ho detto ai ragazzi che così non va».

I rossoneri hanno trovato di fronte una squadra coperta e ordinata, che nella parte iniziale della gara ha lasciato pochissimi spazi alle iniziative dei padroni di casa. Lo spettacolo ovviamente ne ha risentito, ma quello che fa storcere il naso a Del Grosso è il fatto che contro il Lanciano tutti sembrano moltiplicare le energie per dare in campo qualcosa di più rispetto al solito.




«Stiamo vedendo squadre che perdono tempo per qualsiasi cosa, cercano di spezzettare il gioco per portare via un pareggio», afferma l’allenatore, «purtroppo incontriamo anche questo, ne prendiamo atto e dobbiamo essere più bravi, più furbi e più cattivi. Poi ovviamente il bel gioco viene a mancare, ma il calcio è bello se si affrontano tutti in questo modo».

«Nel campionato ci sono altre 14 squadre ma non sembra che sia così», continua il tecnico, «con noi fanno tutti la partita dell’anno, mentre con gli altri come viene viene: sappiano che dobbiamo combattere contro tutti, ma questo ci rafforza il carattere».

Daniele Avantaggiato alla sua prima gara col Lanciano

Dopo un quarto d’ora è arrivato il momento di Daniele Avantaggiato, che ha preso il posto dell’infortunato Pablo Val: «Non è facile entrare a freddo», dice Del Grosso della prova dell’ultimo acquisto, «anche se ha fatto pochi allenamenti con noi, mentalmente è entrato bene, pur se con un po’ di difficoltà per cercare subito il ritmo».

Avantaggiato ha preso posto al centro della mediana a tre, con Mario Quintiliani spostato esterno: «Può giocare anche mezzala, ma il suo ruolo naturale è play», spiega l’allenatore, «l’ho visto in questo ruolo da avversario in Eccellenza, mi è sempre piaciuto, e vorrei sfruttarlo per quelle che sono le sue caratteristiche migliori».




«Ora ci sono quattro centrocampisti a disposizione per tre ruoli, sono tutti all’altezza e sono tutti buoni giocatori», aggiunge Del Grosso, «sta a loro farsi vedere e mettersi in mostra per giocare: chi è a disposizione deve farsi trovare pronto».

Le condizioni di Val saranno valutate in settimana, mentre per l’ultima di andata potrebbe rientrare Lorenzo Sardella: «Parlando con lo staff medico mi hanno detto che da martedì può tornare in gruppo», rivela l’allenatore, «in settimana è stato fermo dopo aver rigiocato quando veniva da una settimana di bronchite: da 15 giorni che non si allena bene, quindi le sue condizioni sono precarie a livello fisico, ma mentalmente è pronto».




Per quanto riguarda la prossima partita col Trigno Celenza, non è ancora certa la sede dell’incontro: era stato trovato un accordo per il Fonte Cicero di Atessa che adesso è in forse, e non è escluso che si giochi a Celenza. «Non sappiamo ancora nulla e questo è un altro problema», lamenta Del Grosso, «ogni settimana dobbiamo aspettare l’ultimo momento per data e orario, mentre gli altri hanno tutto stabilito».

Se si dovesse giocare a Celenza sarebbe il debutto ufficiale del Lanciano su un campo in terra: «Lo possiamo affrontare tranquillamente«, sottolinea il tecnico, «del resto ci stiamo allenando sulla terra, è un campo come altri: avrà pure un rimbalzo diverso, ma ci dobbiamo adattare a tutti i terreni e non deve essere una scusa, perché dobbiamo essere pronti a tutto, e da quello che ho visto il nostro problema siamo noi stessi e non le altre squadre».

L’ARTICOLO SU LANCIANO-SCERNI
TUTTA LA 14ESIMA GIORNATA
IL CALENDARIO DEL GIRONE B IN PDF

Il Lanciano continua la corsa in testa con una cinquina allo Scerni

Tarquini e Di Gennaro mattatori: trascinano i rossoneri con una tripletta e una doppietta. A un turno dalla fine dell’andata l’Atessa resta a -3

LANCIANO-SCERNI 5-0 (3-0)
DOMENICA 10 DICEMBRE 2017 – 14:30 – GUIDO BIONDI DI LANCIANO
Di Vincenzo, Boccanera (29’ st De Santis), Shipple (10’ st Giancristofaro), Quintiliani, Scudieri, Natalini, Val (17’ pt Avantaggiato), Petrone (17’ st Rullo), Tarquini, Di Gennaro (23’ st Vitali), Cianci. A disposizione: Rossetti, Zela. Allenatore: Alessandro Del Grosso
Cianci, Zinni (34’ st Marrollo), Pollutri (16’ st Cognata), Lupo, Ciancaglini, Napolitano, Ferrante (10’ st Orunesu), Matt. D’Ercole (E. Di Virgilio), Erragh, Farina, Pomponio. A disposizione: C. Di Virgilio, Di Candido, Del Re. Allenatore: Nicola Di Martino
ARBITRO Michele Raiola di Teramo
RETI 20’ pt Di Gennaro, 43’ pt Tarquini, 45’ pt Di Gennaro, 8’ st e 45’ st Tarquini
NOTE 20’ pt Cianci para un calcio di rigore a Tarquini; 31’ st allontanato un dirigente dello Scerni; ammoniti Di Gennaro del Lanciano, Matt. D’Ercole e Lupo dello Scerni; angoli 10-0; recupero 1’ pt 0’ st; spettatori 400 circa; presente in tribuna l’ex calciatore della Virtus Lanciano Domenico Di Cecco





Le premesse non erano state quelle di una goleada, e solo a cavallo dell’intervallo i rossoneri mettono in cassaforte la 13esima vittoria stagionale, dopo un avvio di gara spento e privo di emozioni.

Inizialmente infatti, tra un Lanciano lento e uno Scerni ordinato, viene fuori una partita poco avvincente: i padroni di casa comunque controllano e gestiscono come da copione, senza però troppi sussulti. Solo nella seconda parte della frazione di gioco l’undici di Del Grosso aumenta il ritmo e chiude la partita, con le reti che arrivano immediatamente prima e dopo l’intervallo.

La curva sud del Biondi durante la partita con lo Scerni

Il vantaggio rossonero nasce dal dischetto, dopo venti minuti piatti, eccezion fatta per un colpo di testa ravvicinato di Di Gennaro respinto da Cianci. A propiziare il rigore è il Cianci lancianese, che scende sulla destra e crossa: il traversone è intercettato con un braccio da Napolitano; Tarquini si fa respingere il rigore dal portiere, ma Di Gennaro è più lesto di tutti a raggiungere il pallone e ad appoggiarlo in rete.




Al 29’ Scudieri ci prova con un tiro da fuori area che finisce alto. Al 37’ Tarquini dal limite chiama Cianci alla respinta con una conclusione angolata; sugli sviluppi dell’azione un cross da sinistra a destra imbecca Boccanera sul secondo palo, ma il colpo di testa del terzino non trova la porta.

Il raddoppio lo sfiora al 41’ Cianci, uno dei più vivaci dei suoi: Avantaggiato, che al quarto d’ora ha preso il posto dell’infortunato Val, lo lancia in area; l’attaccante supera Pollutri e va alla conclusione che si spegne sul palo.

Tarquini e Di Gennaro si danno la mano dopo un gol

I rossoneri crescono, e la maggiore intensità frutta i gol che chiudono la gara. Il 2-0 è opera di Tarquini, che difende un pallone al limite dell’area piccola e trafigge l’estremo scernese. Due giri di lancette e Shipple imbecca Di Gennaro che sotto porta stavolta non sbaglia.

Si torna in campo dal riposo con il Lanciano deciso a spingere sull’acceleratore: al 5’ Tarquini scambia con Di Gennaro, entra in area e tira alto; all’8’ cross di Cianci, Di Gennaro prolunga e Tarquini sigla la seconda rete personale; al 13’ ancora Tarquini protagonista, che da distanza ravvicinata chiama Cianci alla respinta.



Al 29’ Quintiliani dal limite cerca l’angolino con un tiro a effetto, il portiere ci mette una pezza, e sugli sviluppi dell’azione Vitali si rende pericoloso di testa. Lo Scerni tenta qualche sortita offensiva, si allunga e presta il fianco alle ripartenze dei padroni di casa: così al 36’ e al 37’ al quinto gol vanno vicini prima Tarquini e poi Cianci, che concludono sparando alto due contropiedi.

Al 38’ Cianci devia in angolo di piede un tiro di Tarquini, e sul corner un difensore respinge sulla linea l’inzuccata di Natalini. Al 43’ i rossoblù tirano per la prima volta in porta: una punizione di Lupo da trenta metri si spegna lontano dal bersaglio. All’ultimo minuto arriva infine il pokerissimo: Cianci serve Tarquini che firma la tripletta personale.

TUTTA LA 14ESIMA GIORNATA
IL CALENDARIO DEL GIRONE B IN PDF

Da sinistra i lancianesi Rullo, Natalini e Giancristofaro