Coppa Disciplina: Lanciano stroncato dalle sanzioni alla società, nel girone B primeggia Vasto Marina

Nella classifica della Coppa Disciplina, che la Figc Abruzzo ufficializzerà in settimana, salvo sorprese il titolo di club più corretto del girone B dovrebbe andare al Vasto Marina. I biancorossi, che nell’ultimo turno hanno riposato, fino alla terzultima giornata erano al terzo posto nella graduatoria generale della Prima Categoria con 9,70 punti, preceduti da Genzano (girona A) Sant’Anna (C).

I vastesi sono usciti poi dalla sfida con la Virtus Ortona con tre ammonizioni, che comunque non dovrebbero aver compromesso il primo posto del girone: in seconda posizione infatti c’era il Paglieta a 11,10 punti, e nella terza il San Vito 83 a 11,80.




Un buon piazzamento nella Coppa Disciplina non è cosa da poco. Il primo posto assoluto permette alla società di non pagare l’iscrizione alla prossima stagione, ma soprattutto dà punti pesanti per un eventuale domanda di ripescaggio, che il club biancorosso farà in caso di eliminazione dai play off.

Se i criteri per i ripescaggi resteranno gli stessi della scorsa stagione, anche il piazzamento nel proprio raggruppamento dà punti, e nel caso dei vastesi questo si sommerebbero a quelli per la posizione in campionato, la qualificazione ai play off, i trascorsi nelle categorie superiori e il settore giovanile.

I giocatori del Vasto Marina prima della gara con la Virtus Ortona della 29esima giornata

È invece destinato a concludere la Coppa Disciplina nelle posizioni di coda il Lanciano, nonostante le poche ammonizioni ricevute dai calciatori. Il club rossonero, che non ha mai avuto giocatori squalificati, sconta le numerose sanzioni ricevute dalla società.

In teoria il Lanciano sarebbe la formazione più disciplinata di tutta la Prima Categoria, ma fino a tre giornate fa era 55esimo su 79 squadre con la bellezza di 32,90 punti, ben 29,00 dei quali dovuti alla società, che ha ricevuto diverse multe per il comportamento dei propri sostenitori.




Poche posizioni avanti sono invece i concittadini dell’Athletic, che pure avrebbero potuto ambire a un buon piazzamento se tutto fosse dipeso solo dalla decina di punti per ammonizioni ed espulsioni dei calciatori rossoneri: l’altra formazione di Lanciano infatti ha preso anche 1,00 per la società, 16,00 per i dirigenti e 3,45 per i tecnici.

I punti “extra campo” pesano molto pure sulla vicecapolista del girone B, l’Atessa Mario Tano, altro club che avrebbe potuto guardare tutti dall’alto in basso se non fosse stato per i 6,00 assegnati per la società, che hanno portato il punteggio totale dei rossoblù a 12,90.

Promozione matematica per il Lanciano, Vasto insidia Ortona, San Vito e Paglieta salvi




Al termine della 27esima giornata di campionato il Lanciano è matematicamente in Promozione. Ora a ritardare il passaggio dei rossoneri nella categoria superiore può essere solo un eventuale ricorso della Tollese: se lunedì il club biancorosso presenta reclamo per quanto accaduto sabato, bisogna aspettare la decisione del giudice sportivo.

Nella peggiore delle ipotesi, cioè se i punti dall’Atessa riscendessero a 7, la festa sarebbe rimandata alla prossima partita casalinga, quella di domenica 22 aprile con l’Orsogna al Biondi.

I tifosi frentani sulla gradinata del Di Pillo di Tollo

Con il Lanciano ormai promosso, resta da definire la griglia play off. L’Atessa con l’Athletic Lanciano ha perso una ghiotta occasione per mettersi in tasca il passaggio diretto alla finale di girone, mentre la Virtus Ortona vede pericolosamente avvicinarsi il Vasto Marina.

I gialloverdi oggi sono stati rimontati a Celenza nonostante il doppio vantaggio firmato da Dragani e Del Peschio: i padroni di casa, con Di Laudo e Madonna, hanno incamerato un punto che, alla luce degli altri risultati, può riverlarsi decisivo nella lotta salvezza.




Si avvicina così al terzo posto il Vasto Marina, che espugna Scerni con una doppietta di Di Foglio e la decima rete in Prima di Madonna, attaccante salito dalla Seconda Categoria a dicembre.

Vastesi e Virtus devono osservare il turno di riposo, e nell’“intermezzo” della penultima giornata si affrontano al Comunale di Ortona, per una sfida che può decidere o tenere aperta fino all’ultimo la lotta per fissare la griglia play off.

L’ingresso in campo di Scerni e Vasto Marina al Di Vittorio

Paglieta e San Vito 83 oggi festeggiano la salvezza matematica. I sanvitesi prendono un punto a Castel Frentano con l’Orsogna, ormai fuori dai play off: al vantaggio ospite di Di Renzo dagli undici metri risponde Di Nardo.

Paglieta invece espugna Mozzagrogna complicando i piani del Tre Ville, che esce dal campo infuriato con l’arbitro per un paio di rigori non concessi ma a detta dei gialloverdi evidentissimi. Per il Tre Ville è fondamentale il prossimo impegno a Roccaspinalveti, per riavvicinare i roccolani ma soprattutto per tenerli impegnati nella lotta salvezza.




TUTTA LA XXVII GIORNATA
IL CALENDARIO IN FORMATO PDF

Athletic ko nello scontro play off a Vasto, Atessa resta nella scia della Virtus Ortona




Nella 24esima giornata cambia poco o nulla nelle posizioni di testa: il Lanciano incamera i 3 punti dovuti al ritiro dell’Atletico Cupello, la Virtus Ortona nell’anticipo di sabato batte la Tollese, e l’Atessa Mario Tano resta a un tiro di sasso dai gialloverdi grazie al successo sul fanalino di coda Fresa.

I rossoblù piegano gli ospiti con un gol per tempo (Iannone nel primo e Di Laudo nel secondo), e continuano ad aspettare l’occasione buona per risorpassare la squadra di Ortona, che deve ancora osservare il turno di riposo stabilito a inizio stagione.

Vasto Marina e Athletic Lanciano prima dell’incontro al campo San Tommaso

Alle spalle delle battistrada sgomitano Vasto Marina e Athletic Lanciano, con i biancorossi che oggi si sono aggiudicati lo scontro diretto al campo San Tommaso. A trascinare la formazione di casa sono stati ancora Vasiu e Madonna, con l’albanese autore di due reti su altrettanti assist del compagno di reparto.

Il primo tempo finisce a reti inviolate, anche se i lancianesi colpiscono un palo con Iarlori. Nella ripresa legno anche per i biancorossi, e quindi vantaggio con Vasiu e raddoppio con un tiro di Di Foglio al sette da trenta metri. Verì accorcia le distanze, ma nell’arrembaggio finale l’Athletic subisce in contropiede la 20esima rete stagionale di Vasiu.




La formazione di Lanciano si ritrova così ai margini della zona play: la Virtus Ortona seconda, sconfitta tra l’altro proprio domenica scorsa all’Esposito, è infatti a 13 punti con una gara in più, mentre l’Atessa è a +12 ma deve far visita all’Athletic.

I play off iniziano invece a diventare una chimera per l’Orsogna, che non è riuscito ad andare oltre lo 0-0 a Celenza sul Trigno, dove si registra il nono pareggio a reti inviolati del campionato, nella giornata che, con 12 reti, diventa la meno prolifica del girone B di Prima Categoria.

Il minuto di raccoglimento in memoria di Davide Astori prima di Trigno Celenza-Orsogna

Nella parte bassa della classifica sorridono Paglieta e San Vito 83. I primi, con una rete di Di Campli nella ripresa, superano con il minimo scarto il Roccaspinalveti. I sanvitesi invece inguaiano il Tre Ville, penultimo e atteso dagli impegni con Lanciano e Atessa.

Protagonista della gara del Verì è Manneh, che sigla la sua seconda doppietta stagionale (due domenica fa aveva realizzato una tripletta) e sale a 14 nella classifica marcatori: oltre ai battistrada Del Peschio e Vasiu, l’attaccante biancazzurro è l’unico tra i primi 16 marcatori del girone ad essere andato in rete oggi.




TUTTA LA XXIV GIORNATA: TABELLINI E CLASSIFICHE

CALENDARIO DI PRIMA CATEGORIA GIRONE B IN FORMATO PDF

Quattro squalificati nel girone B




Dopo la 21esima giornata di campionato, nel girone B di Prima Categoria il giudice sportivo ha squalificato per un turno Ambrogio Campanella (Orsogna), Andrea Di Florio (Paglieta), Thomas Castellani (Tollese) e Valerio D’Ovidio (Tre Ville). Sono stati diffidati Simone Di Nardo (Orsogna) e Andrea Madonna (Trigno Celenza). È stato squalificato fino al 7 marzo il massaggiatore dell’Orsogna Giuseppe Morfini.

Le partite di domenica 25 febbraio
Atessa Mario Tano-Paglieta
Lanciano-Roccaspinalveti
San Vito 83-Fresa
Scerni-Tollese
Trigno Celenza-Athletic Lanciano
Virtus Ortona-Tre Ville
riposano Orsogna e Vasto Marina

Tifosi in campo per festeggiare il gol: Lanciano multato




Il Lanciano ha ricevuto una multa di 150 euro «perché, nel corso del secondo tempo (di Paglieta-Lanciano, ndr), a seguito di rete realizzata dalla propria squadra, due sostenitori entravano sul terreno di gioco per festeggiare», riferisce il comunicato del giudice sportivo, «gli stessi abbandonavano subito il terreno di gioco grazie anche all’intervento del capitano della squadra. Sanzione ridotta per fattiva collaborazione».

Sullo sfondo i tifosi del Lanciano che a Paglieta non hanno seguito la partita dalla tribuna

Lanciano fermato dal Paglieta: all’ultimo minuto Bosco risponde a Petrone

PAGLIETA-LANCIANO 1-1 (0-0)
DOMENICA 18 FEBBRAIO 2018 – 15:00 – COMUNALE DI PAGLIETA
Cinalli, L. Bosco, Povero, Di Campli, Di Florio, Cancellier, Pece (38’ st Caldi), Bevilacqua, M. Bosco (40’ st Tundo), Di Paolo, Romagnoli. A disposizione: Biccari, Caldi, Di Nucci, Scaricaciottoli, Di Nella, Tundo. Allenatore: Gianluca D’Onofrio
Di Vincenzo, Boccanera, Shipple (30’ st Cianci), Avantaggiato, Scudieri, Natalini, Quintiliani, Petrone, Tarquini, Di Gennaro, Sardella (15’ st Giancristofaro). A disposizione: Bucceroni, Vitali, De Santis, Val, Rullo. Allenatore: Alessandro Del Grosso
ARBITRO Antonio Diella di Vasto
RETI 15’ st Petrone (L), 44’ st L. Bosco (P)
NOTE Ammoniti Di Paolo, Di Campli, Cancellier, Di Florio e Tundo del Paglieta, Shipple, Scudieri, Di Vincenzo e Cianci del Lanciano; angoli 1-3; recupero 1’ pt 4’ st; spettatori 150 circa




Mezzo passo falso inaspettato per il Lanciano sul campo del Paglieta: il primo pareggio dei rossoneri si concretizza all’ultimo minuto, quando Lorenzo Bosco trasforma la respinta di un corner, l’unico battuto dai biancazzurri, in un sinistro di controbalzo che beffa Di Vincenzo. L’1-1 consente alla Virtus Ortona, ora seconda grazie al riposo dell’Atessa Mario Tano, di portarsi a -5 dalla capolista.

La squadra di Del Grosso sicuramente ha dominato l’incontro per quasi tutta la durata, mantenendo costantemente il pallino del gioco. Ha però prodotto poche occasioni nette in zona gol, e soprattutto ha avuto il demerito di lasciare la partita aperta sino alla fine, quando è arrivata la sorpresa con il tiro di Bosco.

A portare in vantaggio gli ospiti era stato Petrone al quarto d’ora della ripresa: lancio in diagonale da centrocampo per Shipple, che si avvicina al fondo e centra per Petrone, che da due passi non sbaglia. Dopo il vantaggio gli ospiti, pur mantenendo il possesso palla, non sono però mai riusciti ad affondare in maniera determinante per chiudere la partita.

Anche il primo tempo non aveva comunque prodotto occasioni nettissime. La migliore era stata un tiro a giro di Sardella dal limite al 42’, ricaduto sul sette alla destra di Cinalli. In precedenza il Lanciano ci aveva provato soprattutto da fuori, con Petrone un paio di volte, con Natalini e con Quintiliani, ma senza mai inquadrare lo specchio. L’unico intervento decisivo di Cinalli è stato al 14’ della ripresa, poco prima dello 0-1, quando si è opposto a tu per tu a Sardella lanciato da posizione defilata.

Dall’altro lato il Paglieta è rimasto costantemente sulla difensiva, chiudendosi a denti stretti e senza fronzoli, giocando con agonismo e determinazione. Il terreno di gioco in terra, di dimensioni ristrette e leggermente appesantito dalla pioggia, è stato poi un prezioso alleato dei biancazzurri, in quanto ha contribuito a limitare le doti tecniche degli ospiti.




TUTTA LA XXI GIORNATA
IL CALENDARIO DEL GIRONE B IN PDF