Atessa ancora a punteggio pieno, Orsogna al secondo posto

L’Atessa Mario Tano non perde colpi: i rossoblù espugnano San Vito con una cinquina e approfittano del turno di riposo del Lanciano per restare da soli al comando. Il prossimo turno riserva proprio lo scontro diretto con i rossoneri, che probabilmente si giocherà al Fonte Cicero di sabato: la decisione definitiva dovrebbe arrivare entro martedì.

La gara tra Orsogna e Tre Ville a Castel Frentano

Il Lanciano arriva al big match da terza in classifica, perché al secondo posto sale l’Orsogna, che piega 2-1 a Caste Frentano il Tre Ville, come i sanvitesi ancora a 0 punti, ma che segna il primo gol stagionale su rigore grazie a Di Pendima, uno dei rinforzi arrivati in casa gialloverde dopo la seconda giornata.




Fa registrare le prime reti in campionato anche il Paglieta, che a Vasto passa anche in vantaggio con Di Campli a inizio gara, subisce la rimonta con due rigori di Vito, e conquista il pari nella ripresa con Marco Bosco. Prima della partita al campo San Paolo la famiglia Marinelli ha donato un defibrillatore alla società di casa in memoria di Andrea Marinelli, calciatore del Vasto Marina venuto a mancare l’anno scorso.

La consegna del defibrillatore prima di Vasto Marina-Paglieta

Alle spalle del terzetto di testa rallentano Scerni e Tollese. I rossoblù conservano la rete inviolata, ma non vanno oltre lo 0-0 casalingo con l’Atletico Cupello. Al Di Pillo invece fa festa l’Athletic Lanciano: i rossoneri restano in dieci e vanno sotto con la terza rete stagionale su punizione di capitan D’Eusanio, ma prima pareggiano con un altro calcio franco di Di Girolamo, e nella ripresa strappano i tre punti grazie alle reti di Verì e Scopinaro.




Il Trigno Celenza si aggiudica il derby col Fresa: nella ripresa decidono la gara Di Nocco e Piedigrosso, all’esordio in biancazzurro. Successo netto anche per la Virtus Ortona sul Roccapsinalveti, che dopo due ko nelle prime due giornate si porta così a ridosso della zona play off con il secondo 3-0 consecutivo.

La punizione di Di Girolamo che vale il momentaneo 1-1 dell’Athletic a Tollo

TUTTA LA QUARTA GIORNATA

IL CALENDARIO DI PRIMA CATEGORIA GIRONE B IN PDF

Lanciano e Atessa a punteggio pieno: tra due settimane scontro diretto a Fonte Cicero

I rossoneri miglior attacco del girone, Scerni miglior difesa senza reti subite. San Vito 83 e Tre Ville reggono il fanalino di coda a zero punti. Rapino (Athletic) sempre in testa alla classifica marcatori nonostante il riposo




Fra sette giorni il Lanciano osserva il turno riposo, e tra due domeniche è atteso dallo scontro diretto con l’Atessa Mario Tano, l’altra formazione del girone B ancora a punteggio pieno dopo la terza giornata del girone B di Prima categoria. I rossoneri, con i 4 gol segnati oggi al San Vito 83, detengono però il primato solitario di miglior attacco del girone: 11 reti contro le 9 dell’Orsogna, che perde il passo delle capoliste.

Atletico Cupello e Orsogna a centrocampo prima della partita di oggi

Gli azzurri hanno concluso in parità la sfida in casa dell’Atletico Cupello, nonostante il vantaggio siglato da Di Nardo, vanificato dopo una decina di minuti da Ruzzi: per entrambi era la seconda rete stagionale.




L’Orsogna viene raggiunto al terzo posto da Scerni e Tollese. I rossoblù, unica difesa ancora imbattuta del girone, espugnano Fresagrandinaria, mentre i biancorossi a dieci minuti dal 90’ piegano il Tre Ville di Antonio Bucci.

I giocatori della Tollese sul terreno di gioco di Mozzagrogna

I gialloverdi si presentavano in campo con i primi rinforzi aggregati dopo la partenza in ritardo, e sullo 0-0 sono andati vicini a sbloccare il risultato in più di un’occasione, anche se gli ospiti possono recriminare per una rete annullata al capitano D’Eusanio nel primo tempo.




Prima vittoria per Roccaspinalveti, che con un gol per tempo si aggiudica la sfida salvezza con il Trigno Celenza, e per la Virtus Ortona, che a Paglieta fa registrare il terzo successo esterno della giornata.

L’ingresso in campo di Roccaspinalveti e Trigno Celenza

In fondo alla graduatoria, ancora a zero punti, restano San Vito 83 e Tre Ville. Infine nella classifica marcatori non si verificano scossoni, con Rapino dell’Athletic Lanciano che, nonostante il turno di riposo, rimane davanti a tutti a quota 4, tallonato da Sardella e Tarquini del Lanciano.

TUTTA LA TERZA GIORNATA
IL CALENDARIO DI PRIMA CATEGORIA GIRONE B IN FORMATO PDF

Prima Categoria ai nastri di partenza: ecco le 15 formazioni del girone B

Presentiamo il campionato che vede Lanciano grande favorita. Almeno in 7 possono ambire ai play off: arrivi, partenze e prospettive di tutte le squadre




I pronostici sono unanimi nell’indicare il Lanciano del presidente Fabio De Vincentiis come certo vincitore del girone. Alle spalle dei rossoneri non mancano però formazioni che hanno allestito organici d’alta classifica per la Prima Categoria: dall’Orsogna che arriva dal girone C alle retrocesse Vasto Marina e Virtus Ortona, senza dimenticare le neopromosse Atletico Cupello e Atessa Mario Tano.

Da non sottovalutare lo Scerni, che conta su un gruppo consolidato che già da due anni lotta per i play off, e il giovane Athletic Lanciano, che pure ha assemblato un’ottima rosa “di categoria” con tutte le carte in regola per arrivare agli spareggi per la Promozione.




Paglieta, San Vito 83 e Tollese sembrano le squadre meglio attrezzate per una salvezza tranquilla; Fresa, Roccaspinalveti e Trigno Celenza partono leggermente indebolite rispetto alla scorsa stagione, ma ugualmente agguerrite a conservare la categoria. È in ritardo il Tre Ville, ripescato dopo la compilazione dei gironi e il ritiro di Real Montazzoli e Sporting San Salvo: i gialloverdi, a lungo abituati a tornei di vertice non solo in Prima, ma anche in Promozione, sono ancora un cantiere aperto.

Oltre al Lanciano, da ricordare che ci sono altre due piazze che vantano almeno una partecipazione a campionati della Figc nell’Anteguerra: Atessa, che oltre a numerose stagioni nella massima divisione regionale ha anche militato in D negli anni ’70, e l’Orsogna, che pure conta diverse annate nel principale torneo abruzzese negli anni ’50. C’è poi Tollo che ha visto l’Interregionale negli anni ’80, mentre Vasto Marina in anni più recenti ha militato stabilmente in Eccellenza.


Dopo il Lanciano, è tra i club più “storici” del girone: la prima affiliazione alla Figc di una squadra di Atessa risale infatti al 1932. La Mario Tano torna in Prima dopo un anno di Seconda: nel 2015-2016 retrocesse perdendo i play out con Roccaspinalveti. Pur se neopromossi, i rossoblù si candidano per un campionato di vertice. In panchina è arrivato l’atessano Gabriele Farina, che trova un organico abbastanza rinnovato: le partenze sono state infatti una dozzina. Gli acquisti di punta sono due attaccanti che hanno chiuso l’ultimo torneo di Prima in doppia cifra: l’ex Guastameroli Carmelo Sciarrino (classe 1998, 11 reti) e Danilo Venditti (1990, 17 gol) che ha militato nel Real Montazzoli; dal Montazzoli che ha sfiorato i play off arrivano anche Nicola Vitullo (1988), Valerio Caruso (1994) e Gianluca Iannone, mentre dalla Promozione “scendono” Davide D’Ortona (1992) dal Fossacesia, e i fuori quota Valerio Cericola (1997) e Armando Spinelli (1998) dalla Val di Sangro, e Paolo Marcucci (1998) dal Casalbordino.


L’Athletic Lanciano è al debutto in Prima Categoria: la dirigenza è quella del Lanciano Fc che l’anno scorso è stato iscritto alla Terza, e che ha rilevato il titolo sportivo del Guastameroli. Sulla panchina rossonera siede proprio l’ex tecnico orange, Matteo Pasquini, che con la squadra di Frisa ha sfiorato l’accesso ai play off. Nella rosa c’è una nutrita colonia di ex di Guastameroli e Marcianese, tra i quali l’attaccante Simone Aielli (1990, 10 gol senza rigori nell’ultimo campionato) e Davide Scopinaro (1991), che l’anno scorso è stato costretto a fare i conti con un infortunio che ne ha compromesso la stagione. Tra i giocatori con esperienza in categoria superiore, spicca l’attaccante Davide Valbonesi (1981), che scende in Prima dopo l’ultima stagione in Promozione con la Virtus Ortona, e soprattutto una lunga militanza tra D ed Eccellenza. L’Athletic è tra le squadre candidate a lottare per un posto nei play off.


L’Atletico Cupello è una società giovane: fondata appena due anni fa, ha subito vinto Terza e Seconda Categoria (l’anno scorso era nel girone con l’Atessa). La dirigenza guidata dal presidente Antonio Minicucci ha confermato per la terza stagione il tecnico Loris Carbonelli e buona parte del blocco che si è imposto in Seconda. A rinforzare i cupellesi sono poi arrivati diversi giocatori di categoria: dallo Sporting San Salvo l’attaccante Dario Costantini (1992, 15 reti l’anno scorso), il centrocampista Federico Argirò (1994) e il jolly di centrocampo e difesa Nicola Scafetta (1989), ex Virtus Cupello come l’esperto difensore Cesare Del Bonifro (1987), che arriva dallo Scerni che da due stagioni lotta per i play off. Al debutto in Prima l’Atletico punta innanzitutto a raggiungere il più presto possibile la salvezza, per poi cercare di togliersi qualche soddisfazione: i play off sono un obiettivo alla portata.




Il Fresa è una di quelle squadre che lotterà fino alla fine per mantenere la categoria, magari cercando di evitare i play out che l’anno scorso hanno permesso ai biancorossi di centrare la salvezza, dopo una caparbia rincorsa iniziata con i rinforzi del mercato di dicembre. Proprio la tenacia con cui i fresani hanno risalito la china nella stagione precedente ne fanno una formazione da non sottovalutare. L’impresa non sarà facile, perché hanno lasciato il club biancorosso il bomber Admir Vasiu, Dritan Puka, Eriberto Ottaviano e Giacomo Racano. L’unico “forestiero” rimasto è Gabriele Ottaviano. L’età media della squadra, composta quasi esclusivamente da fresani, è molto bassa: i volti nuovi sono Giuseppe Tracchia (1993) ed Elia Portellini (1992) dal Lentella che l’anno scorso ha vinto la Terza, il senegalese Djibril Silla (1997) ex Delfino Flacco Porto, e il portiere Carmelo Schiavone (1995) l’anno scorso al Real Porta Palazzo.


I pronostici sono unanimi nell’indicare i rossoneri come primi classificati al termine della stagione regolare. Del resto il presidente Fabio De Vincentiis, che ha rilevato il club appena trasformato da Marcianese in Lanciano 1920, ha costruito una squadra che avrebbe potuto lottare per un torneo di vertice in Eccellenza. In questo senso i curriculum dei giocatori parlano chiaro: una buona metà del probabile undici titolare è reduce proprio da un campionato di Eccellenza “a vincere”. La rosa, assemblata praticamente da zero, è stata inoltre messa a disposizione di un allenatore, Alessandro Del Grosso, reduce da uno storico quinto posto in Serie D con l’Olympia Agnonese. Smaltita la delusione per il mancato ripescaggio in Promozione, primo posto a parte, dal Lanciano ci si aspetta che infili uno dopo l’altro i record di categoria, non solo in ambito abruzzese.


L’Orsogna della presidentessa Angela Di Benedetto, per la terza stagione alla guida del club, puntava alla vittoria nel girone C, dove ha militato negli ultimi anni. Il trasloco nel raggruppamento B con l’ingombrante Lanciano rende proibitiva la vetta della classifica, ma non ridimensiona le ambizioni di una società decisa a lottare fino in fondo per salire in Promozione. Il blocco che negli ultimi anni ha sempre lottato per un campionato di vertice è stato rinforzato e messo a disposizione del nuovo tecnico Paolo D’Orazio, orsognese che era al Villa 2015 (Promozione), da dove viene anche il portiere fuori quota Mattia Pichecchio (1996). Altro fuori quota di buon livello è Matteo Di Piero (1996), guizzante attaccante l’anno scorso alla Marcianese. In attacco l’arrivo di peso è Simone Di Nardo (1988) dal San Donato (girone E), mentre per rinforzare il centrocampo c’è Andrea Pierantoni (1990), ragazzo del posto cresciuto nelle giovanili del Brescia. Come Atessa, Orsogna vanta una prima affiliazione molto datata alla Figc: nel 1941-42 lottò addirittura per la promozione in Serie C.




La squadra del presidente Filippo Di Nucci riparte per confermare la salvezza tranquilla guadagnata al termine dello scorso campionato da neopromossa. Confermato l’allenatore Gianluca D’Onofrio, l’organico è stato rinforzato con buoni elementi di esperienza, quali l’attaccante Samuele Di Paolo (1983), 5 gol con il Roccaspinalveti nella seconda parte dello scorso campionato, e il centrocampista Dino Di Campli (1983) che ha lottato per i play off con la maglia del Real Montazzoli. Ex Real è anche il portiere Luigi Cinalli (1989), mentre dal Fossacesia sono arrivati Yuri Cancellier (1986) e Alessio Alessio Chiarini (1997).


I biancoverdi sono, col Fresa, una delle formazioni più giovani del girone, che si presenta ai nastri di partenza con un organico composto in larga parte da roccolani. La squadra resta affidata all’allenatore Carlo Di Paolo, che ha perso l’attaccante Samuele Di Paolo passato al Paglieta, e Loris Della Penna andato all’Odorisiana. Dopo l’ultima stagione alla Juniores dell’Olympia Agnonese è in compenso tornato il 2000 Andrea Farina. L’obiettivo del Roccaspinalveti resta la salvezza, che nell’ultimo campionato è stata conquistata con diverse giornate di anticipo, dopo che la squadra è stata risistemata nel calciomercato invernale.


I biancazzurri hanno confermato l’allenatore Gianluca Staniscia, mentre alla presidenza c’è stato l’avvicendamento tra i fratelli Catenaro: Andrea, fino all’anno scorso anche giocatore, ha lasciato dopo la nomina ad assessore, e Valerio, anch’egli giocatore, ha assunto la carica di presidente. Entrambi restano comunque tesserati per il San Vito 83. La rosa è stata puntellata con Luca Sgrignoli (1983) dal Guastameroli, il portiere ex Marcianese Mohammed Ezzaki (1987), e il ritorno dal prestito al Fossacesia (Promozione) dell’attaccante Alessandro Pasquini (1992) e del difensore centrale Jacopo Di Battista (1993). L’obiettivo, che appare ampiamente alla portata dei sanvitesi, è una salvezza tranquilla come nella scorsa stagione, quando alla fine i biancazzurri, nelle ultime giornate, si sono addirittura ritrovati a lottare per un posto nei play off.




La rosa a disposizione del tecnico Nicola Di Martino, per il terzo anno consecutivo in rossoblù, è rimasta grossomodo la stessa dell’ultima stagione, quando lo Scerni ha fallito la qualificazione bis ai play off, centrata invece due anni fa. L’unica partenza di rilievo è quella di Cesare Del Bonifro, passato all’Atletico Cupello, mentre sono rimasti altri giocatori rappresentativi come il bomber Domenico Ferrazzo (1991, 14 gol nello scorso campionato), il mediano Giuseppe Lupo (1983) e il centrocampista offensivo Danilo Farina (1989). È una di quelle squadre che può stazionare stabilmente nella parte medioalta della classifica, pronta allo scatto finale per accedere agli spareggi per la Promozione.


La Tollese si presenta ai nastri di partenza con una rosa molto rinnovata. Tra i giocatori principali dell’ultimo campionato sono rimasti l’attaccante Alessandro Luciani, Matteo D’Eusanio, che eredita la fascia di capitano da Simone Criber, Stefano Perfetti, tornato nel dicembre scorso dalla Juniores del Chieti. In panchina è arrivato Massimo La Barba dal Canosa Sannita (girone C), che ha portato con sé diversi elementi tra cui l’esperto difensore centrale Gabriele Spoltore (1983). Tra i volti nuovi in organico ci sono anche due tollesi che militavano in Promozione, Ciccotelli e Sante Quintiliani (1985), ex Virtus Ortona e fratello di Mario. La salvezza senza troppi patemi è un obiettivo che appare facilmente alla portata dei biancorossi.


Il Tre Ville è ancora un cantiere aperto, in ritardo con la preparazione e con l’allestimento della rosa. La formazione gialloverde per ora è affidata a Vincenzo Di Rado, tecnico lancianese che nella scorsa stagione ha lavorato con le giovanili. Dell’organico dello scorso anno non è rimasto praticamente nessuno, e anche la società è ridotta all’osso. C’era in progetto di portare avanti la collaborazione con l’Accademia Calcio Frentana, che per questa stagione avrebbe dovuto fornire ragazzi per assemblare una squadra giovane, ma l’accordo tra Accademia e Lanciano per il settore giovanile ha complicato l’operazione. Il Tre Ville nella prima giornata di campionato osserva il turno di riposo, quindi in questa settimana si concentrerà soprattutto ad allestire l’organico, con la speranza che a stagione in corso possano subentrare fattori che portino a migliorare le prospettive dei gialloverdi.





Il Trigno Celenza punta ad aggiudicarsi, come nella scorsa stagione, la permanenza nella categoria senza passare per i play out. Per farlo i biancazzurri puntano sempre su un gruppo consolidato, costituito essenzialmente da celenzani. La rosa a disposizione del confermato tecnico Paolo Di Pardo è rimasta grossomodo la stessa del precedente campionato, compreso il capocannoniere della squadra, l’esperto attaccante Donato Di Pardo (1982, 10 reti), che però potrebbe non sempre essere a disposizione. Ha salutato i biancazzurri Alessio Pelliccia, passato al Torrebruna, ed è arrivato il portiere rumeno Adrian Dan Ghiran, proveniente dal Real Carpineto.


Dopo la retrocessione dello scorso anno, i vastesi si presentano ai nastri di partenza con una società rinforzata e con una rosa di primo livello per la categoria. Alla presidenza è tornato Pino Travaglini, che negli ultimi anni era stato nella dirigenza della Vastese, ma che in passato aveva guidato il Vasto Marina nei suoi anni migliori tra Eccellenza e Promozione. Per puntare a un campionato di vertice sono stati ingaggiati l’albanese Admir Vasiu (1987), 17 gol l’anno scorso tra Roccaspinalveti e Fresa, il difensore Ernesto Marcovicchio dal Palombaro e il centrocampista Vincenzo Travaglini (1984), l’attaccante Fabio Di Vito che viene dall’Eccellenza molisana, e l’ex Vastese Alessio D’Adamo (1995). Nuovo anche l’allenatore: si tratta di Luigi Ascatigno, già giocatore del Vasto Marina durante la precedente presidenza di Travaglini.


La Virtus Ortona, dopo la retrocessione ai play out dello scorso anno, ha cambiato allenatore: l’ex portiere Alessandro Segalotto ha preso il posto di Stefano Bellé. Acquisto di punta è il bomber Antonio Del Peschio (1984), l’anno scorso 10 gol in 15 partite con la Marcianese, uno degli attaccanti più prolifici della categoria, che tra Prima e Promozione di reti ne ha realizzate quasi 300. Tra le partenze spiccano Davide Valbonesi passato all’Athletic Lanciano, Martelli al Miglianico in Eccellenza, e Mario Quintiliani, tesserato nel marzo scorso e ora al Lanciano. Buona parte della rosa è stata comunque riconfermata, e gli ortonesi sono tra le squadre pronte a lottare per un posto nei play off.

IL CALENDARIO DI PRIMA CATEGORIA GIRONE B IN FORMATO PDF

I risultati del primo turno di Coppa Abruzzo

Le squadre del girone B di Prima Categoria escono con otto vittorie, due pareggi e tre sconfitte dall’andata del primo turno di Coppa Abruzzo, competizione alla quale il Lanciano non si è iscritto. L’Orsogna espugna Arielli (II E) 0-2 grazie a un’autorete e a un gol realizzato dall’ex Marcianese Federico Marongiu. Con lo stesso punteggio la Tollese viene sconfitta in casa dell’Atletico Francavilla (II E), mentre il Trigno Celenza perde 2-1 a Carunchio (II F), con gol della bandiera segnato dagli undici metri da Giuseppe Serafini.

Arielli e Orsogna schierati a centrocampo (dalla pagina Fb ASD ORSOGNA 1965)

Il Roccaspinalveti si aggiudica con il minimo scarto il derby con i compaesani della Dinamo (II F), neopromossi in Seconda Categoria: l’incontro è deciso da Francesco Pari su rigore nella ripresa. Lo Scerni vince 0-2 a Gissi (II F) grazie alle marcature di Mattia D’Ercole e del bomber Domenico Ferrazzo, 14 volte a rete nello scorso campionato di Prima Categoria.




Il neopromosso Atletico Cupello viene bloccato a reti inviolate sul terreno dell’Odorisiana (II F). Pari anche per il Paglieta a Casalbordino: il Real Casale (II F) ferma sul 2-2 i biancazzurri, trascinati da una doppietta di Samuele Di Paolo. Altra sconfitta che si registra tra le formazione inserite nel girone del Lanciano è quella del Fresa, battuto in rimonta 2-1 a San Buono (II F) dopo il vantaggio nei minuti iniziali di Fabio Delle Donne.

L’Athletic Lanciano sul terreno di gioco di Francavilla (dalla pagina Fb Lanciano FC)

L’Athletic Lanciano sul neutro dell’antistadio di Francavilla chiude di fatto il discorso qualificazione sommergendo il San Martino sulla Marrucina (II E) con un eclatante 1-9. Nel primo tempo i frentani sono già sullo 0-4 con Davide Valbonesi, la doppietta dell’ex Marcianese Simone Aielli, e Stefano Di Girolamo. Nella ripresa la squadra del tecnico Matteo Pasquini dilaga con Di Girolamo su rigore, Raffaele Pagano, Andrea Giancristofaro e doppietta di Luca Rapino.




Vasto Marina viola con un poker il terreno di gioco della Sansalvese (II F): nel tabellino doppietta di Admir Vasiu, l’anno scorso 17 gol in Prima con le maglie di Roccaspinalveti e Fresa, Fabio Di Vito e Vitale Piermattei. Quattro reti anche della Virtus Ortona col Fossacesia 90 (II E) e dell’Atessa Mario Tano che, con lo stesso punteggio, liquida l’altra vastese di Coppa, lo Sporting (II F): i rossoblù ipotecano la qualificazione nella ripresa con Carmelo Sciarrino, Danilo Venditti, Samuele Manzone e Samuele Staniscia. Il San Vito 83 espugna Rocca San Giovanni (II E) con i gol di Renato Bellucci e Alessandro Pasquini; per i roccolani in rete Davide Nenna su rigore.




Primo turno di Coppa Abruzzo (domenica 3 settembre)
in grassetto le squadre del girone B di Prima Categoria
Alanno-Cugnoli 1-1
Amatori Vis Farindola-Elicese 2-2
Arielli-Orsogna 0-2
Arsita-Cermignano 0-0
Atletico Francavilla-Tollese 2-0
Bisenti-Cellino 4-3
Campli-Miano 3-1 (sabato 2 settembre)
Canistro-Real Carsoli 0-6
Capestrano-Il Moro Paganica 1-3
Carunchio-Trigno Celenza 2-1
Casalincontrada-Sporting Castrum 3-0
Casoli-Castrum 0-1
Castelnuovo Vomano-Casemolino 4-1 (sabato 2 settembre)
Città Sant’Angelo-Castellamare Pescara Nord 0-4 (a Cappelle sul Tavo)
Civitellese-Palena 2-3
Deportivo Luco-Villa San Sebastiano 0-2
Di Santo Dionisio Bomba-Quadri 3-0
Dinamo Pescara-San Donato 0-4
Dinamo Roccaspinalveti-Roccaspinalveti 0-1
Virtus Pescara-Real Villa Carmine 1-0
Fara Filiorum Petri-Giuliano Teatino 1-1
Forconia-Villa Santangelo 2-3
Gissi-Scerni 0-2
Marruvium-Federlibertas Bugnara 2-1
Nereto-Villa Real 2-0
New Team Pizzoli-Tornimparte 1-2
Odorisiana-Atletico Cupello 0-0
Ornano-Insula Falchi 1-2
Ortigia-Pro Celano 0-1
Ovidiana-Morronese 1-1
Paterno Tofo-Real Castellato 2-3
Pennese-Loreto Aprutino 1-0
Pianella-Cepagatti 1-4
Plus Ultra-San Benedetto Venere 0-0
Poggese-Pro Nepezzano 0-7 (a Nepezzano)
Popoli-Manoppello Arabona 4-1
Preturo-Genzano 1-5
Rapid-Atri 0-2 (sabato 2 settembre)
Real Bellante-Alba Tortoreto 1-1
Real Casale-Paglieta 2-2
Rocca Santa Maria-Torricella Sicura 1-7 (sabato 2 settembre)
Roseto-Vis Montesilvano 0-4
San Buono Calcio-Fresa 2-1
San Giovanni Teatino-Hatria 1-5
San Marco-Verlengia Calcio 0-2 (sabato 2 settembre)
San Martino SM-Athletic Lanciano 1-9 (a Francavilla)
San Pelino-Collarmele 2-0
Sansalvese-Vasto Marina 0-4
Scafa Cast-Lettese 5-0
Silvi-Angelese 0-0
Sporting Altino-Atletico Roccascalegna 1-0
Sporting Vasto-Atessa Mario Tano 0-4
Torrevecchia-Sant’Anna 0-2
Usac Corropoli-Giulianova Annunziata 1-3
Vallelonga-Lo Schioppo 0-2
Varano-Sim Pontevomano 1-1
Villa Bozza Montefino-United Piane 2-0
Villanova-Vis Cerratina 2-1
Virtus Ortona-Fossacesia 90 4-0
Virtus Rocca San Giovanni-San Vito 83 1-2

Coppa Abruzzo, la finale sarà Real Treciminiere-Scafa Cast

Saranno Scafa Cast e Real Treciminiere ad affrontarsi nella finale di Coppa Abruzzo, la competizione riservata alle squadre di Prima e Seconda Categoria. Le due finaliste hanno diritto a punti aggiuntivi nella graduatoria per il ripescaggio in Promozione, se fanno eventualmente domanda: 1 per chi vince e 0,75 per la perdente.




La questione non interessa però il Real Treciminiere, tra l’altro detentore del trofeo, già in Promozione in quanto vincitore del girone E. Scafa invece domenica 21 maggio è impegnato nella finale play off del girone C con il Sant’Anna per passare alla fase successiva degli spareggi, e in caso di sconfitta potrebbe essere una concorrente per il ripescaggio.




Risultati del quinto turno di Coppa Abruzzo
TRIANGOLARE A
Miano-Real Carsoli 3-2
Real Carsoli-Scafa Cast 2-1
Scafa Cast-Miano 5-1
TRIANGOLARE B
Palena-Real Treciminiere 0-0
Tollese-Palena 1-0
Real Treciminiere-Tollese 7-1

Coppa Abruzzo, la Tollese di Crognale nel triangolare di semifinale con Palena e Real Treciminiere

Nel quinto turno di Coppa Abruzzo la Tollese, sola squadra del girone B rimasta in lizza, è stata inserita nel triangolare di semifinale con il Palena, unica formazione di Seconda Categoria ancora in corsa, e il Real Treciminiere, detentore del trofeo e già matematicamente in Promozione.

Antonello Crognale che nel 1997-98 ha vinto il campionato di Eccellenza con il Lanciano

I biancorossi, che annoverano tra le proprie fila il lancianese Antonello Crognale, riposeranno nella prima giornata di mercoledì 3 maggio, quando si gioca Palena-Real Treciminiere. La Tollese sarà poi impegnata il 10 e 17 maggio alle 16:30, salvo diversi accordi tra le due squadre.




Nell’altro triangolare di semifinale ci sono invece Real Carsoli, Miano e lo Scafa Cast, che nel quarto turno di Coppa Abruzzo ha fatto fuori l’Ortona, dominatore del girone di Prima Categoria nel quale milita la Marcianese. In quest’altro triangolare la prima partita in programma è Miano-Real Carsoli.

Il capitano tollese Simone Criber in campo a Guastameroli

Nella seconda giornata riposa la squadra che ha vinto la prima la gara o, in caso di pareggio, quella che ha giocato in trasferta. Per determinare la squadra vincente in caso di arrivo a parità di punti, si tiene conto nell’ordine della differenza reti, reti segnate e reti segnate in trasferta. In caso di ulteriore parità si va al sorteggio.




Le vincitrici dei due gironi da tre si affrontano in finale in campo neutro, e a chi si aggiudica il trofeo viene assegnato un contributo pari al diritto di iscrizione per il campionato di competenza 2017-2018, mentre alla seconda classificata sarà assegnato materiale sportivo consistente in 18 divise complete di magliette, pantaloncini e calzettoni.

La Tollese passa al quinto turno di Coppa Abruzzo. Ortona ko a Scafa





All’Ortona non è riuscita l’impresa di rimontare lo 0-2 subito nell’andata del quarto turno di Coppa Abruzzo a Scafa: i gialloverdi, comunque freschi di vittoria matematica del girone B di Prima Categoria, sono stati sconfitti 5-2. Per l’Ortona, tra l’altro sceso in campo in formazione molto rimaneggiata, hanno segnato Mattia Granata e Tommaso Di Gregorio su rigore.




La Tollese invece passa al quinto turno battendo i già eliminati pescaresi della Fater, e conquistando il primo posto nel suo triangolare grazie alla migliore differenza reti sull’Elicese. Giovedì completa il quadro del quinto turno la sfida tra Palena e Trigno Celenza, che all’andata ha vinto 2-0. Le partite del quinto turno, dove le sei squadre rimaste verranno divise in due gironi da tre, si giocheranno poi mercoledì 3, 10 e 17 maggio.



La finale l’anno scorso è stata disputata sul neutro di Raiano, ed è stata vinta dal Real Treciminiere, formazione di Atri che come l’Ortona è già matematicamente in Promozione ed è in corsa per il double, in quanto oggi ha eliminato il Giulianova Annunziata. In palio per il vincitore della Coppa c’è l’iscrizione al prossimo campionato di competenza.

RISULTATI DEL QUARTO TURNO DI COPPA ABRUZZO
Andata-ritorno
Cellino (I D)-Miano (I D) 2-5 [andata 2-3]
Real Trecimininiere (I E)-Giulianova Annunziata (I D) 3-1 [5-2]
Scafa Cast (I C)-Ortona (I B) 5-2 [2-0]
Palena (II F)-Trigno Celenza (I B) giovedì 13 17:00 [0-2]
Triangolare A
Real Carsoli (I A)-New Team Pizzoli (I A) 2-1
Classifica: 6 punti Real Carsoli, 3 New Team Pizzoli, 0 Pizzoli (I A)
Già giocate: Pizzoli-Real Carsoli 2-3; New Team Pizzoli-Pizzoli 3-1
Triangolare B
Tollese (I B)-Fater Angelini Abruzzo 5-2 (I E)
Classifica: 4 punti Tollese ed Elicese (I E), 0 Fater Angelini
Già giocate: Elicese-Tollese 2-2; Fater Angelini Abruzzo-Elicese 0-2

SQUADRE QUALIFICATE AL QUINTO TURNO
Miano, Scafa Cast, Real Carsoli, Real Treciminiere, Tollese (più una tra Palena e Trigno Celenza)

Coppa Abruzzo: Ortona, Tollese e Trigno Celenza a caccia delle semifinali





Mercoledì 12 e giovedì 13 aprile tre squadre del girone B di Prima Categoria tornano in campo per le gare che concludono il quarto turno della Coppa Abruzzo: in palio ci sono le semifinali, alle quali accederanno sei squadre che verranno divise in due gironi da tre.

Negli scontri diretti il compito più arduo spetta al neopromosso Ortona che, se vuole inseguire la doppietta campionato-Coppa, a Scafa deve ribaltare lo 0-2 subito in casa. Il Trigno Celenza, che gioca giovedì, è chiamato a difendere i due gol di scarto con i quali ha battuto all’andata il Palena, ultima formazione di Seconda Categoria in corsa.




La Tollese, alle prese con uno dei due triangolari del quarto turno, affronta invece i già eliminati pescaresi della Fater: per passare il turno deve vincere per raggiungere a quota 4 l’Elicese, ma deve farlo con più di 2 gol di scarto (o con 2 segnandone almeno 3): nel caso vincesse 2-0, la vincente del girone si deciderà col sorteggio, in quanto a parità di punti i biancorossi sarebbero pari con l’Elicese anche per differenza reti (+2), numero di reti segnate (4) e reti segnate in trasferta (2).

Le partite dei due gironi del quinto turno si giocheranno poi mercoledì 3, 10 e 17 maggio. La finale l’anno scorso è stata disputata sul neutro di Raiano, ed è stata vinta dal Real Triciminiere, formazione di Atri ancora in lizza per difendere il titolo, e praticamente già con un piede in semifinale. In palio per il vincitore della Coppa c’è l’iscrizione al prossimo campionato di competenza.




PARTITE DEL QUARTO TURNO DI COPPA ABRUZZO (mercoledì 12 aprile)
Andata-ritorno
[19:30; 2-3] Cellino (I D)-Miano (I D)
[20:00; 5-2] Real Trecimininiere (I E)-Giulianova Annunziata (I D)
[16:00; 2-0] Scafa Cast (I C)-Ortona (I B)
[giovedì 13 17:00; 0-2] Palena (II F)-Trigno Celenza (I B)
Triangolare A
[16:00] Real Carsoli (I A)-New Team Pizzoli (I A)
Classifica: 3 punti New Team Pizzoli e Real Carsoli, 0 Pizzoli (I A)
Già giocate: Pizzoli-Real Carsoli 2-3; New Team Pizzoli-Pizzoli 3-1
Triangolare B
[19:00] Tollese (I B)-Fater Angelini Abruzzo (I E)
Classifica: 4 punti Elicese (I E), 1 Tollese, 0 Fater Angelini
Già giocate: Elicese-Tollese 2-2; Fater Angelini Abruzzo-Elicese 0-2

Le immagini dei gol di Marcianese Lanciano-Tollese





Le immagini dei sei gol realizzati nella partita giocata sabato tra Marcianese e Tollese al Biondi nelle riprese fatte da Alessandro Di Biase. I marcatori sono Marongiu (6’ pt), Aielli (15’ pt), Primomo (39’ pt su rigore), Del Peschio (46’ pt su rigore), Cicchitti (14’ st), Anzellotti (30’ st).




Marcianese Lanciano 3
Tollese 3

Forlani, Dushkaj, F. Di Campli, Bah [VC] (31’ st Cianci), Di Martino, Cianfarra, Marongiu (14’ st Valentini), Ruffilli [C], Aielli, Del Peschio, Di Piero (40’ st Samake). A disposizione: L. Di Campli, Falcone. Allenatore: Piero D’Orazio
Sorrentino, Primomo [VC] (40’ pt Cassano), Tacconelli, D’Eusanio, Marini Misterioso, Anzellotti, Silverio (11’ st Di Battista), Perfetti, Luciani, Criber [C], Cicchitti. A disposizione: Nobile, Marku, Crognale. Allenatore: Marcello Cicchitti
ARBITRO Manuel Franchi di Teramo
RETI 6’ pt Marongiu, 15’ pt Aielli, 39’ pt Primomo (rigore), 46’ pt Del Peschio (rigore), 14’ st Cicchitti, 30’ st Anzellotti
NOTE 13’ st espulso Cianfarra per doppia ammonizione; ammoniti Criber, Cianfarra, Tacconelli, Cianci; angoli 4-5; recupero 1’ pt 4’ st; spettatori 120 circa; in corsivo i fuori quota

La Marcianese fallisce l’appuntamento con il ritorno alla vittoria, e nonostante il buon avvio di gara, e il doppio vantaggio con cui chiude il primo tempo, non riesce ad avere ragione della Tollese, brava nel secondo tempo a credere fino in fondo nella rimonta.



I rossoneri partono bene, e dopo una trentina di secondi Del Peschio sfiora il gol con un tiro al volo dal limite. Al 5’ Di Piero imposta nella propria metà campo, cambia tutto per Marongiu che serve Aielli che appoggia a Del Peschio, che però cicca la conclusione. La palla buona arriva un minuto dopo: Del Peschio lancia Di Piero, che guadagna il fondo e crossa per l’inzuccata vincente di Marongiu.

Marongiu festeggiato dai compagni dopo il suo primo gol stagionale

La squadra di Lanciano raddoppia con Aielli: punizione di Ruffilli dalla tre quarti e colpo di testa a pallonetto che beffa Sorrentino. La partita sembra in discesa per la Marcianese, ma un po’ alla volta vengono fuori gli ospiti, pericolosi con due azioni quasi “a specchio”: al 21’ lancio lungo di Perfetti per Tacconelli, sponda attraverso l’area piccola da destra a sinistra e Cicchitti, contrastato, non riesce a far male; al 25’ è dalla sinistra che Tacconelli fa una sponda interessante per Luciani, che da buona posizione svirgola.




La Tollese è ancora pericolosa al 29’ con Criber (testa su corner di un filo a lato) e accorcia le distanze con Primomo su rigore, che subito dopo esce infortunato. Tra l’altro la scivolata di Cianfarra che causa la massima punizione sembra sul pallone, ma non è dello stesso avviso Franchi di Teramo, che tira fuori anche il primo giallo per il difensore rossonero.

Il rigore del 2-1 di Primomo che spiazza Forlani

Allo scadere la Marcianese mette a segno il tris: Del Peschio conclude un’azione solitaria con un tiro che, deviato, colpisce la traversa e va in corner; dalla bandierina il traversone di Di Piero è intercettato con una mano da Silverio, ed è inevitabile il tiro dal dischetto con il quale Del Peschio firma la decima rete stagionale.




Al rientro in campo, dopo qualche scaramuccia di poco conto, al quarto d’ora cambia l’equilibrio della partita: Cianfarra rimedia l’ammonizione bis perché “inciampa” su Luciani mentre lo sta tallonando, ma per Franchi è uno sgambetto che vale il secondo giallo; la Marcianese non solo resta in dieci, ma sulla punizione seguente Cicchitti trova pure il gol del 3-2.

La punizione vincente di Cicchitti dopo il rosso a Cianfarra…

D’Orazio corre ai ripari con Valentini per Marongiu, ma i biancorossi (oggi in campo in maglia verde) appaiono più convinti e più capaci di fare la partita. Vanno vicini al pari già al 20’, quando Forlani si lascia scivolare una tiro dalla distanza di Marini Misterioso, che fortunatamente carambola in calcio d’angolo. Il 3-3 però lo firma Anzellotti alla mezzora quando, grazie anche ad un rimpallo, conclude una lunga azione intorno all’area rossonera.

…e quella un soffio a lato di Del Peschio al 45’

I padroni di casa cercano nuova verve con l’innesto di Cianci, protagonista di alcuni spunti interessanti, ma senza particolare seguito. Alla fine però saranno i tollesi a sfiorare il colpaccio, dopo essersi fatti vedere al 37’ con un tiro debole di Cassano bloccato da Forlani, e al 44’ con Tacconelli che tira fuori bersaglio.




Il sussulto finale della Marcianese è una punizione di Del Peschio che al 45’ fa la barba al palo, ma i rossoneri tremano all’ultimo minuto di recupero quando Tacconelli si ritrova solo in area, con la palla che gli arriva da un lungo traversone e che sciupa malamente con una conclusione sul fondo anziché cercare un compagno al centro.

CLICCA QUI per programma della 27esima giornata e classifiche
CLICCA QUI per calendario completo in pdf con risultati e classifiche