La Promozione in pugno: il Lanciano batte l’Atessa con un gol di Quintiliani e vola a +6

L’undici titolare schierato da Del Grosso nel big match del Biondi

LANCIANO-ATESSA MARIO TANO 1-0 (1-0)
DOMENICA 11 FEBBRAIO 2018 – 15:00 – GUIDO BIONDI DI LANCIANO
Di Vincenzo, Boccanera (36’ st De Santis), Shipple (11’ st Giancristofaro), Avantaggiato (36’ st Val), Scudieri, Natalini, Quintiliani, Petrone, Tarquini (25’ st Cianci), Di Gennaro, Sardella. A disposizione: Bucceroni, Di Campli, Zela. Allenatore: Alessandro Del Grosso
Cericola, Spinelli, Zinni, Manzone, Mainella, Vitullo, Di Francesco, Caruso (36’ st Iannone), Sciarrino, Di Laudo (38’ st E. Russi), Barry (25’ st Del Roio). A disposizione: Scutti, Marcucci, M. Russi, Djolo. Allenatore: Gabriele Farina
ARBITRO Alessandro Ulbar di Teramo
RETE 39’ pt Quintiliani
NOTE Ammoniti Avantaggiato del Lanciano, Spinelli e Vitullo dell’Atessa Mario Tano; angoli 7-2; recupero 1’ pt 4’ st; spettatori mille circa dei quali un centinaio ospiti




È di Mario Quintiliani il gol che segna molto probabilmente la fuga decisiva del Lanciano: i rossoneri superano l’Atessa Mario Tano e si portano a 6 punti dalla diretta inseguitrice, con la prospettiva di rimpinguare a breve il distacco. Fra sette giorni infatti i rossoblù saranno costretti al turno di riposo, mentre la capolista sarà ospite del Paglieta.

il ko del Biondi lascia gli atessani al secondo posto, che però è solo virtuale: nel prossimo turno infatti la Virtus Ortona, oggi fermata in casa sul pari dal Fresa, incasserà i 3 punti a tavolino dovuti al ritiro dell’Atletico Cupello. La lotta per la seconda piazza resta quindi più aperta che mai.

Tarquini abbraccia Quintiliani dopo la rete decisiva

Nel frattempo il Lanciano si mette in tasca mezzo primo posto abbondante, se non di più: se la marcia dei rossoneri sarà la stessa del girone di andata, il passaggio in Promozione è solo questione di settimane. La vittoria sull’Atessa tuttavia non è stata una passeggiata: dopo un primo tempo da protagonista assoluto, il Lanciano nella ripresa ha ceduto il passo alla sete di rivalsa degli ospiti.

I rossoneri nelle fasi iniziali della gara mettono alle corde l’Atessa, che bada soprattutto a difendersi. Tra il 10’ e il 13’ la formazione di Del Grosso va vicina al gol in ben quattro occasioni, a partire da un tiro da distanza ravvicinata di Sardella: Petrone verticalizza in posizione centrale, Quintiliani prolunga verso sinistra per Sardella, che da posizione defilata manda alto.



All’11’ nuovo tentativo di Sardella, con un tiro dal limite ancora alto. La palla sopra la traversa al 12’ la manda Tarquini, di testa, quando disturbato da un difensore non impatta bene un cross di Sardella. Al 13’ Petrone da fuori area impegna a terra Cericola.

Al quarto d’ora si vede in avanti l’Atessa: Sciarrino serve in area di Francesco, che si gira e costringe Di Vincenzo alla parata. Dopo la mezzora la pressione dei rossoneri torna a produrre occasioni da rete: al 31’ tiro di Sardella, respinta di Cericola, e conclusione dal limite di Quintiliani che si spegne alla sinistra della porta rossoblù.

Petrone affrontato da Manzone

Al 39’ però arriva il tiro buono: Boccanera la mette in area, l’estremo ospite respinge a pugni chiusi, e il sinistro di Quintiliani dal limite non fallisce il bersaglio. È la rete che rompe gli equilibri, e che probabilmente manda in archivio questo campionato di Prima categoria.

La ripresa non è tuttavia una passeggiata per i padroni di casa. Gli atessani tornano in campo agguerriti, e subito danno un paio di grattacapi alla difesa rossonera: al 2’ Barry parte palla al piede e serve Sciarrino che, pressato da un difensore, calcia malamente. Al 4’ Sciarrino approfitta di un’indecisione di Shipple e serve Barry, che manda la palla lontano dalla porta.



Al 16’ si rivede il Lanciano: angolo di Sardella e tiro al volo di Di Gennaro che non inquadra lo specchio. I rossoneri tornano ad alzare il baricentro, e l’Atessa ne approfitta per pungere in contropiede: insidioso quello di Barry al 16’, che però perde l’attimo giusto per lanciare Sciarrino.

La seconda parte della ripresa è quasi completamente di marca ospite, anche se i rossoneri si difendono bene e lasciano pochi spazi. Manzone è pericoloso al 22’ con una punizione dalla distanza, ma Di Vincenzo è attento e blocca il tiro forte e centrale.

Tarquini stretto nella morsa dei difensori rossoblù

Al 26’ il portiere rossonero è chiamato agli straordinari in occasione di una mischia nell’area piccola, ma anche stavolta se la cava a dovere. I padroni di casa incassano bene, e alla fine riescono anche a chiudere la gara in avanti: nel recupero sfiorano il raddoppio Sardella su punizione (parata da Cericola) e Quintiliani dal limite (tiro fuori).

Al triplice fischio è il Lanciano a festeggiare, ma pure stavolta, come all’andata, l’Atessa lascia il campo con l’onore delle armi: non ci sarà de meravigliarsi, se nel prossimo campionato di Promozione, questa sfida andrà nuovamente in scena.

TUTTTA LA XX GIORNATA
IL CALENDARIO DEL GIRONE B IN PDF

Questa voce è stata pubblicata in Stagione 2017-2018 e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.